Rai 3
Televideo
Vittoria ad ogni costo

Off The Report

ReportExtra

I nostri promo
stagioni precedenti »




Com'è andata a finire

Va di lusso - del 21 dicembre 2014

Sabrina Giannini

Report torna ad occuparsi dei grandi marchi del lusso, in particolare affrontando la questione che ha distrutto e sta distruggendo un patrimonio importante per il Made in Italy: l’artigiano in regola che viene sostituito con i più concorrenziali cinesi. Parte della responsabilità di questo patrimonio dilapidato tocca a chi gestisce i marchi del lusso, in modo sempre più famelico e cercando di aumentare i propri fatturati a scapito di valori (anche economici) importanti. Al centro dell’inchiesta è finito questa volta il marchio italiano Gucci...

  1. 1
  • Verona, Giacino e Lodi condannati per corruzione

    Vito Giacino, ex vicesindaco della giunta Tosi (nella foto), è stato condannato a cinque anni in primo grado per corruzione. Quattro anni per la moglie Alessandra Lodi. L’indagine aveva preso le mosse dalla denuncia dell’ìmprenditore immobiliare Alessandro Leardini, che aveva raccontato di aver pagato 600 mila euro di tangenti all’amministratore in cambio di favori per concessioni edilizie. Il 15 novembre 2013 era scattata la perquisizione dell’ufficio di Giacino, in seguito alla quale aveva deciso di dimettersi. Dal 17 febbraio i due sono ai domiciliari. E’ una delle vicende che riguardano la città scaligera di cui Report ha raccontato il 7 aprile 2014 nell’inchiesta “L’Arena” di Sigfrido Ranucci con la collaborazione di Giorgio Mottola.

  • Report Extra. La cricca del Po

    di Sigfrido Ranucci, Giulio Valesini

    Mentre le tangenti scorrono lungo il Po, si pone un problema al Premier Renzi e al Ministro OrlandoMentre le tangenti scorrono lungo il Po, si pone un problema al Premier Renzi e al Ministro Orlando.

  • Report Extra. Mafia Capitale: Zingaretti e i soldi alla cooperativa di Buzzi

    di Giorgio Mottola

    Negli esercizi finanziari del 2013 e 2014 emergono i dettagli delle somme stanziate alla cooperativa «29 giugno» attraverso i decreti presidenziali.

  • Report Extra. I ros da Alemanno

    di Paolo Mondani

    Roma. Ore 8 e 41 minuti. Sotto casa di Giovanni Alemanno arrivano due auto dei Ros. Tre Carabinieri salgono per notificare all’ex sindaco l’iscrizione a registro degli indagati per 416 bis, l’associazione di stampo mafioso. Non si accorge di nulla solo Drake, il cane di famiglia, che la dog sitter sta portando a passeggiare nel parco.

  • Dalla Banda della Magliana alle coop rosse.
    Roma sconvolta da arresti e perquisizioni.

    L’ex sindaco Alemanno e l’ex direttore di gabinetto di Veltroni tra gli indagati. Manette per 37, in tutto 76 nomi a registro. Sequestrati 200 milioni.Leggi l'articolo e guarda le clip dalle inchieste di Report "Romanzo Capitale" e "Gli appaltati"

  • Inchiesta del 14 dicembre 2014

    I biofurbi: Cosmetici

    di Emanuele Bellano

    Creme, saponi e trucchi bio si trovano ormai non solo nelle botteghe dedicate ma anche negli scaffali delle grandi catene di distribuzione. Come facciamo ad essere sicuri che quando prendiamo un cosmetico con la scritta "bio" stiamo comprando davvero un prodotto biologico? Che differenza c'è tra naturale, ecologico e bio? E poi, chi tutela il produttore che ricorre all'agricoltura biologica per fabbricare i propri cosmetici da chi invece usa la parola "bio" solo perché fa vendere di più?

  • Inchiesta del 14 dicembre 2014

    I bio furbi: Riso

    di Piero Riccardi

    Collaborazione di Ernesto Pagano. “Il biologico secondo me fa le stesse cose del non biologico. Stessi trattamenti... Bisogna prenderli nel momento in cui diserbano. In quei momenti li bisogna andarli a prendere quelli che fanno il riso biologico!” Risicoltori che accusano altri risicoltori. I diserbanti in agricoltura biologica ovviamente non sono ammessi, ma sembra che qualcuno non ci creda molto. L'accusa è pesante perché il riso bio viene pagato anche 3 volte tanto rispetto a quello prodotto con agricoltura convenzionale. Il bio viene pagato di più perché produce di meno. O almeno dovrebbe essere così.

  • Inchiesta del 07 dicembre 2014

    Startup stories

    di Michele Buono

    Collaborazione di Chiara Avesani, Andrea De Marco e Filippo Proietti. Una nuova rivoluzione industriale è cominciata e sta ridisegnando il mondo. Le nuove tecnologie stanno capovolgendo i dogmi della produzione chi è in grado di pensare un nuovo prodotto può cominciare da solo anche con pochi soldi, perché questo processo si tira dietro un nuovo tipo di finanza. Se pensi che la tua idea sia brillante, la lanci in rete e aspetti che la gente l’apprezzi e investa sul tuo prodotto. Si chiama “crowdfunding”: finanziamento della folla. E’ così che tante piccole fabbriche individuali stanno soppiantando la produzione di massa.

  • Inchiesta del 07 dicembre 2014

    La zingara

    di Giorgio Mottola

    Da diversi mesi, in Regione Lazio non c’è quasi bando per dirigente di cui non si possa prevedere già in anticipo il vincitore. Tutti gli ultimi direttori generali sono stati scelti dopo rigorosissime selezioni, il cui esito era però era stato previsto da qualcuno con molti mesi di anticipo, in alcuni casi prima ancora che venisse indetto il bando. Attraverso questi concorsi sono stati nominati nella Regione guidata da Zingaretti finora ben 63 dirigenti esterni, quasi il doppio di quelli dell’epoca Polverini.

  • Inchiesta del 05 dicembre 2014

    Speciale Report - Romanzo Capitale

    di Paolo Mondani

    L’ex sindaco Alemanno indagato per associazione mafiosa, l’ex direttore di gabinetto di Veltroni tra gli arrestati. Dagli ex componenti della Banda della Magliana alle Coop Rosse. Roma è stata travolta da arresti e perquisizioni. L'operazione "Mondo di mezzo" ha confermato il contesto trasversale di consorterie criminali, politica, imprenditoria ed eversione nera che Report aveva tratteggiato in parte già oltre un anno fa con la puntata "Romanzo capitale" di Paolo Mondani. L’inchiesta aggiornata con i fatti di questi giorni.

  • Inchiesta del 30 novembre 2014

    Il risarcimento

    di Claudia Di Pasquale, Giuliano Marrucci

    Report propone un'inchiesta provocatoria e propositiva: tutti i detenuti in salute dovrebbero essere obbligati a lavorare, perché nel lavoro c’è il loro recupero e anche quello delle spese giudiziarie, oltre a quelle per il mantenimento in carcere. Mai come in questo caso abbiamo trovato ostilità. Dai detenuti? No, dalle istituzioni.

  • Inchiesta del 30 novembre 2014

    La grande infrazione

    di Emilio Casalini

    Siamo la nazione con il record di procedure di infrazione aperte dall'Unione Europea. Violiamo le norme comunitarie che noi stessi abbiamo votato e che, nel 20% dei casi, non siamo in grado neppure di recepire nel nostro ordinamento. Non siamo capaci di tutelare i diritti dei disabili, dei passeggeri, persino quelli delle galline ovaiole. Nel campo ambientale siamo poi un disastro...

  • Inchiesta del 23 novembre 2014

    Il Monte dei misteri

    di Paolo Mondani

    Collaborazione di Elisabetta Gherardi. Il 6 marzo 2013 muore, cadendo dalla finestra del suo ufficio, David Rossi, capo della comunicazione del Monte dei Paschi di Siena. La Procura di Siena apre immediatamente un’inchiesta per istigazione al suicidio, archiviata un anno dopo. La moglie di David Rossi non crede alla volontarietà del gesto e sono molti i dubbi che Report passa in rassegna...

  • Inchiesta del 23 novembre 2014

    Un medico in famiglia

    di Bernardo Iovene

    Luigi è morto il 23 settembre con un tumore osseo, aveva 15 anni. Giancarlo, 70 anni, si sta curando un tumore alle vie biliari, Giampiero al polmone e così Bruno, Bianca: sono 4300 le persone che hanno scelto di farsi curare e assistere dalla Fondazione Ant Italia Onlus. A domicilio e a prendersi in carico tutta la famiglia è un’equipe formata da medico, infermieri, fisioterapista, nutrizionista.

  • Inchiesta del 16 novembre 2014

    Ambiente di famiglia

    di Luca Chianca

    Lo scorso maggio l'ex ministro dell'ambiente Corrado Clini è stato arrestato dalla Procura di Ferrara con l'accusa di peculato dopo che i magistrati hanno trovato un milione di euro su un conto cifrato in Svizzera. L'inchiesta è stata trasferita a Roma dove si indaga per corruzione e sotto la lente della Procura è finita anche la compagna dell'ex ministro, Martina Hauser, da anni consulente del ministero dell'ambiente.

  • Inchiesta del 16 novembre 2014

    In buone acque

    di Emanuele Bellano

    Hera è una delle più grandi municipalizzate d’Italia e gestisce luce, acqua, gas e rifiuti per 250 comuni in Emilia-Romagna, Marche, Veneto e Venezia-Giulia. La società ha sede in centro a Bologna in un’area industriale dismessa dove lavorano settecento persone. Sulla base di documenti inediti Report è in grado di documentare il livello di inquinamento presente nel suolo di quei terreni e i rischi per la salute a cui, secondo le analisi svolte da Hera stessa ma mai divulgate, i dipendenti sono sottoposti andando a lavorare lì dentro ogni giorno.

  • Inchiesta del 16 novembre 2014

    Scava, scava...

    di Giulio Valesini

    Report torna in Veneto e nella provincia di Verona. Questa volta le telecamere degli inviati di Rai 3 si sono soffermate sul Comune di Grezzana, sul cui territorio si sono aperte tra il 2011 e il 2013 profonde voragini. E’ crollata anche la Strada provinciale dove tutte le mattine passava lo scuolabus con decine di bambini a bordo. Secondo i cittadini e Legambiente, che hanno presentato esposti alla magistratura e richiesto il sequestro dell’area, le responsabilità sono dell’azienda che ha scavato sotto la collina, la Micromarmo.

  • Inchiesta del 02 novembre 2014

    Siamo tutti oche

    di Sabrina Giannini

    Per la prima volta una televisione riesce a documentare l’illegalità della “spiumatura” sulle oche vive in Ungheria, denunciando così la crudele pratica illegale diffusa nella Comunità europea, la prima responsabile per i mancati controlli e per avere un regolamento che consente con facilità di “riciclare” la piuma illegale.

  • Inchiesta del 26 ottobre 2014

    Fammi il favore

    di Stefania Rimini

    Collaborazione di Giorgio Mottola. Dall'Expo al Mose, tra gare decise a tavolino e fatture gonfiate, chi si prenderà i fondi neri e come? Le due grandi inchieste che hanno messo sottosopra gli organigrammi delle galassie che vivevano intorno ai lavori per l’Expo di Milano e alla maxi diga del Mose di Venezia, rischiano di arenarsi nelle secche dei patteggiamenti e delle prescrizioni. Stefania Rimini ricostruisce un sistema trasversale...

  • Intervista ad Arnaldo Forlani

    di Milena Gabanelli

    Già segretario della Democrazia Cristiana, Presidente del Consiglio e più volte ministro, condannato a due anni e 4 mesi nell’ambito del Processo Enimont per finanziamento illecito al partito. Ormai novantenne, Forlani è l’ultimo sopravvissuto del CAF (l’alleanza Craxi, Andreotti, Forlani) un testimone storico di quasi quarant’anni di vita politica italiana e continua a difendere la sua versione di assoluta inconsapevolezza di quanto accadeva intorno a lui nel suo partito.

  • Inchiesta del 19 ottobre 2014

    Il segreto sul piatto

    di Roberto Pozzan

    con Giorgio Mottola Il premier Matteo Renzi lo ha definito “vitale” Gli industriali italiani lo considerano una benedizione. Gli scettici, invece, lo descrivono come un’apocalisse. Nessuno, però, al momento sa bene cosa sia il TTIP, il Trattato Transatlantico sugli investimenti che Europa e Stati Uniti stanno negoziando da diversi mesi. Sulle trattative in corso e gli accordi finora raggiunti vige infatti la massima segretezza. Eppure, l’approvazione del TTIP potrebbe cambiare le nostre vite.

  • Inchiesta del 19 ottobre 2014

    Sotto al muro

    di Michele Buono

    Osman Kalin, turco dell’Anatolia, la prima volta che mise piede in Germania fu nel 1943. Lavorava su un mercantile e vendeva cetrioli al Terzo Reich. Qualche decennio dopo i cetrioli decise di piantarli direttamente in Germania. Li piantò a Berlino, sotto il muro nella zona ovest. In quel punto il muro avrebbe dovuto fare una specie di zigzag, ma la DDR, nel costruirlo, per fare in fretta o per risparmiare tirò dritto tagliando fuori un pezzo di terra socialista dentro Ovest. E fu così che il turco mandò in tilt l’intero sistema: a Est e Ovest mancava una regola per cacciarlo.

  • Inchiesta del 19 ottobre 2014

    The specialist

    di Sigfrido Ranucci

    Domenica sera verranno trasmesse delle immagini riguardanti una delicata operazione chirurgica avvenuta in un ospedale del sud, dove viene impiantato un dispositivo bi-ventricolare. Ma ad operare, secondo le informazioni in possesso di Report, non sarebbe il chirurgo, ma addirittura l’addetto-vendite di una nota multinazionale produttrice di defibrillatori. Secondo un altro venditore di un’altra azienda di dispositivi medici intervistato da Report, il fatto non sarebbe un'eccezione...

  • Inchiesta del 12 ottobre 2014

    La Concordia nazionale

    di Giovanna Boursier

    Report ha ricostruito quello che è accaduto la notte del naufragio della Concordia con documenti e interviste inedite. Il comandante Francesco Schettino è accusato di omicidio colposo plurimo per non avere dato l’ordine di emergenza in tempo e avere abbandonato la nave prima che tutti i passeggeri fossero in salvo. Schettino, intervistato in esclusiva da Report, racconta la sua versione dalla quale emergono fatti fino a oggi sconosciuti.

  • Intervista a Gino Paoli

    di Milena Gabanelli

    Ottant’anni compiuti in questi giorni: uno dei più grandi artisti italiani, oggi Presidente della SIAE, la Società italiana Autori ed Editori che, tra tante polemiche, gestisce i diritti su ogni creazione dell’ingegno in Italia, in un’intervista esclusiva ripercorre le tappe principali della sua carriera e della sua vita privata, svelando amori, delusioni, fino al tentato suicidio “per noia”, di cui porta una traccia nel cuore.

  • Inchiesta del 05 ottobre 2014

    Non bruciamoci la pizza

    di Bernardo Iovene

    La pizza fatta con ingredienti giusti fa bene. Invece da Napoli a Roma, Milano, Venezia, Firenze, spesso non è digeribile e talvolta, può contenere elementi cancerogeni.

  • Inchiesta del 05 ottobre 2014

    Il danno e la beffa

    di Sigfrido Ranucci

    In Italia ci sono 700 mila portatori di pacemaker. Ogni anno altri 60 mila nuovi pazienti si sottopongono all'impianto del dispositivo. Ma chi certifica che i pacemaker, neuro stimolatori o defibrillatori impiantati siano sicuri? L'istituto Superiore di Sanità è uno degli organismi notificati europei a certificare i dispositivi che vengono impiantati nel nostro corpo, e l'unico in Italia per pacemaker e neurostimolatori. Report è entrato per la prima volta nei laboratori dell’ Istituto. Nelle immagini che trasmettiamo in esclusiva, si mostrano macchinari rotti, vecchi e inutilizzati.

  • Com'è andata a finire del 02 giugno 2014

    Com'è andata a finire?

    “Eh ma tanto – direte voi, come sempre – non succede mai niente”. Speriamo proprio di no: e ve lo dimostriamo, adesso, con i 17 anni della nostra storia

  • Inchiesta del 26 maggio 2014

    La grande ricchezza

    di Michele Buono

    Collaborazione di Matteo Di Calisto e Filippo Proietti. Quale potrebbe essere l’impatto economico e sociale nel mondo del lavoro e della qualità della vita se i progetti migliori nel campo della manifattura digitale, dei nuovi modelli di impresa, del trasporto, dell’efficienza energetica, dell’urbanistica, della formazione e dell’istruzione, si trasformassero da piccoli grumi di eccellenza sparsi in Italia e in tutta Europa, in un grande sistema integrato.

  • Inchiesta del 19 maggio 2014

    A pensar male...

    di Sabrina Giannini

    Collaborazione di Daniele Bonazza. Ci son voluti solo 7 anni, dal 1998 al 2005, per vendere i circa 500 immobili sedi della Democrazia Cristiana, comprati con i soldi dei tesserati, delle donazioni, dei finanziamenti pubblici. Dopo che la vecchia Dc si è sgretolata, gli eredi si sono frantumati in varie direzioni, un po’ a destra, un po’ a sinistra, altri rigorosamente al centro, e si son trovati a gestire questa imponente ricchezza immobiliare. Come li hanno venduti gli immobili sparsi in tutta la penisola? In quali mani sono finiti?

  • Un inedito Aznavour per i suoi 90 anni

    di Milena Gabanelli

    «Perché Aznavour? Voglio raccontarvi una mia storia personale che risale al 1992. Lavoravo per Mixer, ero andata in Nagorno Karabakh, un’enclave fra Armenia e Azerbaijan, un viaggio lungo e solitario, i due paesi sono in guerra. La popolazione era in fuga, perché la zona era quotidianamente bombardata dagli aerei. Alla fine di questo viaggio drammatico mi imbarco a Yerevan insieme a qualche centinaio di profughi, l’Armenia è isolata, c’è un unico volo ogni mercoledì destinazione Parigi. Durante il viaggio seduto di fianco a me un profugo armeno mi dice: “Ma lei lo sa che questi voli, ogni settimana da mesi, li paga Aznavour?”».

  • Inchiesta del 12 maggio 2014

    Shale caos

    di Roberto Pozzan

    Quale sarà il futuro dell’approvvigionamento energetico del nostro paese e dell’Europa? Possiamo continuare a basarlo sulle energie fossili o ci sono nuove frontiere per l’estrazione di gas e petrolio che possono essere percorribili come alcuni credono?

  • Inchiesta del 05 maggio 2014

    Sportivo sarai tu

    di Stefania Rimini

    Abbiamo 1247 atleti militari stipendiati dallo Stato, 6 milioni di sportivi amatoriali, 4 milioni e mezzo di agonisti, 45 federazioni, 15 enti di promozione, 95mila società dilettantistiche. Nel grande villaggio dello sport c'è chi sta a galla a malapena e c'è chi vive da signore con il denaro raccolto dai tesserati e con i milioni che piovono giù dal Coni. Il Coni distribuisce 411 milioni, denaro pubblico che riceve dal Tesoro e che dovrebbe servire a promuovere l'attività sportiva. Vediamo che uso ne fanno le varie federazioni...

  • Inchiesta del 05 maggio 2014

    Il giallo delle pagine

    di Emanuele Bellano

    Seat Pagine Gialle è la società che stampa e consegna in tutte le case degli italiani gli elenchi del telefono. Oggi il suo business è principalmente on line. Fino alla fine degli anni 90 la società era di proprietà dello Stato. Poi si è deciso di privatizzarla. Nel 2003 è finita nelle mani di un gruppo di fondi di investimento. Allora il suo valore in borsa era di 24 miliardi di euro. Oggi a 10 anni di distanza vale 1000 volte di meno e ha dovuto portare i libri in tribunale...

  • Inchiesta del 28 aprile 2014

    Il socio occulto

    di Paolo Mondani

    Collaborazione di Chiara Avesani I soldi per risollevare l'Italia ci sono, anzi, ci sarebbero. Ma in pochi li cercano. Il numero che più spiega i precedenti è quello che dà la dimensione del partito degli evasori: dieci milioni di voti. Che non smette di crescere. In questo contesto, prima il governo Monti, poi il governo Letta, infine il governo Renzi hanno promesso una legge che incentivi il rientro dei capitali nascosti all'estero. E insieme a ciò, hanno pensato di inserire nel nostro codice penale il reato di autoriciclaggio...

  • Inchiesta del 28 aprile 2014

    La patata bollente

    di Luca Chianca

    L'Italia consuma più patate di quante ne produce ed è costretta ad importarle dall'estero. Andando nei supermercati, però, del prodotto d'importazione non c'è traccia. Le patate vendute dalla grande distribuzione sono tutte di origine italiana, ma è veramente così? Siamo andati tra i produttori italiani e quelli francesi sulle tracce delle patate e le abbiamo seguite dai coltivatori ai confezionatori e ai distributori, fino a chi le vende, e abbiamo scoperto come è facile raggirare le norme sulla tracciabilità.

  • Inchiesta del 14 aprile 2014

    La battaglia di Solferino

    di Giovanna Boursier

    Collaborazione di Cinzia Gubbini. Rcs Mediagroup - che vuol dire soprattutto Corriere della Sera, il principale quotidiano italiano - è in crisi e indebitata fino al collo. Nel 2007 aveva comprato uno dei più grandi gruppi editoriali spagnoli, Recoletos, tutto a debito e cash: un'operazione controversa, con un prezzo troppo alto, 1 miliardo e 100, e poi arriva la crisi e a fine 2012 Rcs si ritrova con 800 milioni di debiti in scadenza con le banche, capofila Intesa Sanpaolo, che di Rcs è anche azionista...

  • Inchiesta del 14 aprile 2014

    Appalti alla sbarra

    di Claudia Di Pasquale

    In Italia le carceri sono ben 206 e ospitano circa 60mila detenuti quando i posti effettivi sono poco più di 43500. Entro il prossimo 28 maggio l'Italia dovrà risolvere il problema del sovraffollamento se vuole evitare la multa della Corte europea dei diritti dell'uomo. In ballo ci sono 100 milioni di risarcimenti ai detenuti che vivono in condizioni degradanti. Intanto ecco come stanno messe le carceri e che cosa è stato fatto in questi anni per realizzare nuovi posti detentivi.

  • Inchiesta del 07 aprile 2014

    Espresso nel caffè

    di Bernardo Iovene

    Gli italiani, a loro insaputa, bevono un caffè di bassa qualità. I torrefattori fanno spesso abuso della robusta: una qualità che costa la metà di quella arabica ed ha aromi legnosi, se proviene dal Vietnam, e di terra se di origine Africana. Bernardo Iovene, insieme con gli assaggiatori autorizzati dell’Associazione europea dei caffè speciali SCAE, ha girato per alcuni bar italiani, per valutare il caffè in tazza. L’inchiesta, dunque, si allarga alle modalità errate con le quali i baristi preparano il caffè ai clienti...

  • Inchiesta del 07 aprile 2014

    L'Arena

    di Sigfrido Ranucci

    Collaborazione di Giorgio Mottola. Report tratterà anche il caso del sindaco di Verona Flavio Tosi, che ha preventivamente querelato l’autore del servizio, Sigfrido Ranucci, accusandolo di voler costruire prove false contro l’amministrazione veronese. Il sindaco Tosi aveva fatto registrare Ranucci mentre stava svolgendo il suo lavoro d’indagine in merito all’esistenza di un video compromettente per il leader della Lega Veneta. Ma come sono andate effettivamente le cose?

Rai.it

Siti Rai online: 847