Rai 3
Televideo

Puntata del 01/03/2001

La pattumiera nucleare - Aggiornamento del 19/11/2000

In onda giovedì 1 Marzo 2001

di

La pattumiera nucleare - Aggiornamento del 19/11/2000

Inchiesta: Com'è andata a finire
Autori: Giorgio Fornoni
Stagioni: 2001

Novembre 2000

Il mondo intero sta offrendo alla Russia, in cambio di dollari, tutti i suoi rifiuti radioattivi. Nel profondo degli Urali, dentro la citta' segreta di Mayak, se il piano andra' in porto, confluiranno tutti i rifiuti e le scorie nucleari del pianeta. Ma il delegato ONU per il nucleare lancia un allarme:

"Mettendo qui tutte le schifezze, non ve ne sarete liberati, perche' la Russia non e' in grado di gestire un deposito cosi' pericoloso per migliaia di anni."

Greepeace si mobilita e raccoglie firme per indire un referendum e bloccare il mutamento della legge che attualmente impedisce alla Russia l'importazione di scorie.

Aggiornamento

Il 21 dicembre scorso, a sorpresa, la Duma ha approvato a larga maggioranza la legge che di fatto da' via libera al progetto, ossia l'importazione di scorie nucleari.

Sergey P. Shashurin, Deputato della Duma - Ecologia:
"Io sono stato uno dei fautori di questa legge. Ci presenteremo sul mercato mondiale per convogliare parte dei soldi da noi."

Passanti:
"Bel regalo per il terzo millennio."

Entriamo nel palazzo del Minatom, la roccaforte di quanti hanno spinto per questa colossale operazione economica e politica.

Vladimir V. Shidlovskii, Minatom:
"Noi non riceviamo rifiuti ma scorie che sono materie prime. Materie prime energetiche e preziosi. Per i dilettanti il combustibile esausto rientra nel novero delle scorie. Invece questo combustibile contiene molte componenti preziose come l'uranio, il plutonio ed altri elementi."

Alexey V. Jablokov, Delegato Onu Problemi atomici:
"Noi in Russia continuiamo a pensare che le scorie possano essere riprocessate per ottenere il plutonio, ma non teniamo in considerazione che per una tonnellata di plutonio se ne ottengono dieci di scarti radioattivi, e' un circolo senza fine."

E cosi' ancora una volta, anche se per ragioni diverse, l'atomica russa fa paura.

Sergey P. Shashurin, Deputato della Duma - Ecologia:
"Se l'Italia vuole portare qui il combustibile irraggiato, va bene, basta che paghi, noi accettiamo tutto."

Questo operaio, filmato in uno dei centri segreti degli Urali, beve l'acqua di raffreddamento della centrale. Con questa inquietante sequenza pubblicitaria, il Minatom vorrebbe dimostrare che non ci sono pericoli...

Vladimir V. Shidlovskii, Minatom:
"Lei sa quanti uomini muoiono per incidenti stradali?"

E' stata la Duma, il Parlamento russo che annullando 700mila firme ha cancellato l'iniziativa del referendum popolare. Bastavano due milioni di firme per dar voce alle preoccupazioni della gente comune. In pochi mesi ne sono state raccolte 2 milioni e 600mila. Ma alla fine hanno prevalso il potere dei generali e i dollari della speculazione. La Duma ha negato il referendum giudicando non valide 770mila firme.

Ivan P. Blokov, Greenpeace Russia:
"E' stata dichiarata non valida persino la firma di un membro della nostra commissione, ero qui presente mentre firmava, e ugualmente e' stata scartata."

Sergey P. Shashurin, Deputato della Duma - Ecologia:
"Greenpeace svolge il ruolo di longamanus degli altri Paesi, cercando in tutti i modi di impedire a noi di entrare in questo business."

Alexey V. Jablokov, Delegato Onu Problemi atomici:
" Se soltanto il quindici per cento dei mezzi che sono stati buttati per lo sviluppo dell'energia atomica fossero stati investiti nello sviluppo dell'energia solare, l'energia atomica stessa non ci servirebbe piu'."

Un altro dei grandi centri di stoccaggio delle scorie sara' Krasnojarsk, una citta' dove vivono centinaia di migliaia di persone. Quale sara' il loro futuro? Non molto differente da quello della gente di periferia di Mayak.

Attrice:
"Non riesco a capire come un padrone di casa possa dire 'nascondete i vostri rifiuti in casa mia'."

Alexey V. Jablokov, Delegato Onu Problemi atomici:
"Circa duecento deputati comunisti dell'opposizione hanno sempre sostenuto la nostra posizione e improvvisamente, nel giro di una notte, cambiano idea. Qualcosa e' successo. Personalmente ho la sensazione che la Duma sia stata comprata."

D - "Avete comprato i deputati?"

Vladimir V. Shidlovskii, Minatom:
"Abbiamo convinto i deputati che erano contro il progetto che non c'era niente di pericoloso ma che e' un affare per la Russia."

In questi tunnel sotterranei del centro di Krasnojarsk, protette dal segreto militare, verranno stoccate tonnellate di rifiuti radioattivi. In base agli accordi stipulati con l'industria nucleare europea, americana e di altri paesi, l'operazione fruttera' alla Russia 45mila miliardi solo nella fase iniziale.

Rai.it

Siti Rai online: 847