Rai 3
Televideo

Puntata del 08/04/2008

VACANZE GENEROSE

in onda il 08.04.08

di

Inchiesta: Goodnews
Stagioni: 2008
Autori: Giuliano Marrucci

MILENA GABANELLI IN STUDIO
La buona notizia di oggi riguarda le ferie. Per chi lavora sono un diritto sacrosanto. E ognuno di noi le passa come meglio crede. Se però c'e' qualcuno che per ricaricarsi le batterie fa anche del bene agli altri, beh allora che almeno si sappia. Il racconto è del nostro Giulianino Marrucci.

GIULIANO MARRUCCI
Stefano Boriani è un illustre chirurgo ortopedico bolognese. Noi l'abbiamo gia incontrato 4 anni fa, quando aveva salvato il giovane Mario da una paralisi quasi certa. Un bell'esempio di buona sanità. Talmente buona che come raccontano le targhe nel suo ufficio non passa giorno senza che arrivi un invito da chissà quale paese per andare a fare qualche complicatissima operazione o anche solo per raccontare il suo lavoro. Ma anche per il dottor boriani arriva il momento di staccare la spina, chiudere baracca e burattini e andarsi a rigenerare in qualche angolo sperduto del pianeta.

E l'angolo sperduto del nostro dottore è sempre lo stesso, si chiama Nampula ed è una delle città principali del Mozambico

GIULIANO MARRUCCI
Da quant'e' che vieni qua a Nampula?

STEFANO BORIANI - PRIMARIO ORTOPEDIA OSP. MAGGIORE - BOLOGNA
A Nampula 5 anni, questo è il quinto&in Mozambico sono 10 anni, sto qua due o tre settimane&

GIULIANO MARRUCCI
Ora, mica per togliere niente a questa simpatica cittadina, ma certamente non corrisponde all'immagine che tutti abbiamo di paradiso tropicale, e cos'abbia di tanto speciale da far si che il dottor boriani appena puo' ci si fiondi senza esitazioni è un mistero&..

STEFANO BORIANI - PRIMARIO ORTOPEDIA OSP. MAGGIORE - BOLOGNA
Certamente vengo a immergermi un momento in una realtà diversa, è una forma di ginnastica mentale ed emozionale che in qualche modo penso sia utile

GIULIANO MARRUCCI
E per immergersi fino in fondo in una realtà diversa il dottor Boriani quando viene a Nampula alloggia qui, in questa umile casa dei missionari Deoniani.

STEFANO BORIANI - PRIMARIO ORTOPEDIA OSP. MAGGIORE - BOLOGNA
Non è un albergo a 5 stelle, ma è un ottima compagnia e poi dopo si vive un po' di africa. Ah ecco padre Elia&.posso entrare? Permesso&.padre Emilio&.

GIULIANO MARRUCCI
Com'è come ospite Boriani?

PADRE EMILIO
Ah, ottimo. Rimane poco in casa perché è sempre a lavorare all'ospedale

GIULIANO MARRUCCI
All'ospedale? Ma non dovevano essere le sue ferie?

JOAO CARLOS - NEUROCHIRURGO OSPEDALE DI NAMPULA
Questa è una cosa bellissima, perché lui non viene qua di turismo, viene qua di lavoro, praticamente, arriva oggi, domani cominciamo a operare fino a che va via.

STEFANO BORIANI - PRIMARIO ORTOPEDIA OSP. MAGGIORE - BOLOGNA
Questa è la colonna lombare, che dovrebbe proseguire in questa direzione, e invece è interrotta a questo punto.

GIULIANO MARRUCCI
E così, appena il tempo di arrivare e rieccolo li, a 15.000 chilometri di distanza da casa, a riaddrizzar vertebre su vertebre.

STEFANO BORIANI - PRIMARIO ORTOPEDIA OSP. MAGGIORE - BOLOGNA
Prima questa vertebra era messa così, adesso invece è tutto ben dritto&.io direi che s'è fatto un buon lavoro.

GIULIANO MARRUCCI
D'altronde ognuno le batterie se le ricarica un po' come vuole.

STEFANO BORIANI - PRIMARIO ORTOPEDIA OSP. MAGGIORE - BOLOGNA
La prima volta erano momenti anche difficili per me, e arrivavo qua depresso, stanco, svogliato e tornavo a casa che stavo benissimo, molto meglio che se fossi andato sotto a una palma, probabilmente è il riposo di quello che ci sta dentro, dell'omino che c'è dentro al cervello, che si riposa un attimo, si riposa un pochino, con la coscienza tranquilla, allora&..

GIULIANO MARRUCCI
Ma per tenere tranquilla la coscienza dell'omino che gli sta dentro al cervello, al nostro dottore, tre settimane l'anno non bastano.

STEFANO BORIANI - PRIMARIO ORTOPEDIA OSP. MAGGIORE - BOLOGNA
Cerco di lavorare tutto l'anno su questo progetto, cioè, tutto l'anno quando Joao Carlo ha bisogno di materiale mi dice, ho finito le tal viti, il tal strumento, mi manca la tal cosa, e noi facciamo il possibile perché lui possa continuare a lavorare ecco&.perché la nostra chirurgia vertebrale è una chirurgia che ha bisogno di strumenti, se non hai le viti da mettere nelle vertebre, se non hai degli strumenti non riesci a curare le fratture o le deformità.

GIULIANO MARRUCCI
E così ogni volta che arriva Boriani sembra arrivato Babbo Natale.

JOAO CARLOS - NEUROCHIRURGO OSPEDALE DI NAMPULA
Tutti gli anni mi manda molte attrezzature, dalle viti, alle placche, barre&.

STEFANO BORIANI - PRIMARIO ORTOPEDIA OSP. MAGGIORE - BOLOGNA
Io vado in giro a mendicare come i frati cercatori del medioevo. Questo viene da alcuni ospedali della Lombardia dove erano passati ad un sistema più moderno e quindi sono stati così carini da regalarcelo. Questi penso che arrivino sempre da Milano, bello questo, chissà da dove viene. Questo me l'ha regalato la ditta. Un nostro ospedale adesso spende dai 300 ai 500 euro per una vite come queste, e anche 100 euro per una barra come questa.

JOAO CARLOS - NEUROCHIRURGO OSPEDALE DI NAMPULA
I ferri sono carissimi, troppo cari per il Mozambico.

STEFANO BORIANI - PRIMARIO ORTOPEDIA OSP. MAGGIORE - BOLOGNA
Da noi ci possono essere diversi modelli, però quelli che vengono più venduti sono quelli che seguono le mode del momento, oppure l'ultimo grido della tecnologia. Il modello precedente o quello ancora precedente non è vendibile, non ha mercato, e quindi le industrie, se opportunamente sollecitate, me lo regalano, e io poi lo porto qua dove viene usato benissimo senza nessun problema.

Questo è un bel valore, aspetta che mo te lo dico, sono quasi 60 viti, 6 per 6 36, 36 mila euro, più le placche che costano 500 euro l'una.

JOAO CARLOS - NEUROCHIRURGO OSPEDALE DI NAMPULA
Prima non poteva operare tutto, operava soltanto quelle che avevano una lesione parziale della schiena, perché queste placche erano pochissime. Adesso posso operare tutti i malati che arrivano. Adesso sono ricco

STEFANO BORIANI - PRIMARIO ORTOPEDIA OSP. MAGGIORE - BOLOGNA
Adesso sei ricco quindi devi trovare qualcuno povero a cui regalare le cose

GIULIANO MARRUCCI
Ma oltre al dottor Boriani a Bologna di medici e chirurghi che le loro ferie le passano a operare in Africa ce ne sono anche altri. Qui ad esempio siamo al Rizzoli

CESARE FALDINI - PROF. ISTITUTI ORTOPEDICI RIZZOLI BOLOGNA
Noi siamo un gruppo di ortopedici e anestesisti che da dieci anni passiamo le nostre vacanze a collaborare con ospedali nei paesi in via di sviluppo per fare interventi su bambini con gravi deformità. In Tanzania abbiamo praticamente adottato un piccolo ospedale, 4 volte l'anno ci sono 4 spedizioni che si alternano

FRANCESCO TRAINA - ISTITUTI ORTOPEDICI RIZZOLI BOLOGNA
Queste immagini per esempio sono una signora che porta a visita il bambino, in questo ospedale che come si vede è proprio in mezzo al nulla, tutti i bambini che aspettano e stiamo per fare l'ambulatorio. Queste sono immagini della sala operatoria

CESARE FALDINI - PROF. ISTITUTI ORTOPEDICI RIZZOLI BOLOGNA
In tutto il Tanzania ci sono solo 12 ortopedici, un paese di 6 milioni di abitanti, i 12 ortopedici lavorano nella capitale Dar Er Salama, noi andiamo in un paesino che è a 600 chilometri da questa capitale e dove quindi non hanno accesso a questo tipo di cure

GIULIANO MARRUCCI
Una somma di quante vacanze hai passato in Tanzania?

FRANCESCO TRAINA - ISTITUTI ORTOPEDICI RIZZOLI BOLOGNA
Ah, quasi tutte da quando è cominciato

SPECIALIZZANDA
Si lavora dalla mattina alla sera&

GIULIANO MARRUCCI
Che culo eh?

SPECIALIZZANDA
Nel senso, tutto il giorno in sala operatoria e li intorno&.

GIULIANO MARRUCCI
Ma voi siete buoni così anche a Bologna o solo quando andate in Africa?

SPECIALIZZANDO
Quando siamo in Africa siamo più buoni

FRANCESCO TRAINA
Ci selezionano così no? Cattivi qui e buoni la, la scorta di bontà finisce in Africa.

GIULIANO MARRUCCI
Chi invece la sua scorta di bontà non la finisce mai sono il dottor Amanzio e il Dottor Valera, rispettivamente cardiologo e chirurgo all'ospedale di Marrere, 10 chilometri da Nampula, più che semplici volontari quasi dei missionari

AMANZIO ZOBBI - CARDIOLOGO
Da 4 anni lavoriamo quasi fissi qua, io sto qui circa 6, 7 mesi con quest'anno,

No, no&non siamo missionari&.siamo lavoratori pensionati

Questa è la navata della chiesa, ed è utilizzata per il ricovero dei pazienti con tubercolosi polmonare, e una gran parte sono sieropositivi

GIUSEPPE MEONI - MISSIONARIO DEHONIANO
Io sono arrivato qui due anni e mezzo fa, e qui dentro praticamente era un allevamento di piccioni, sporcavano anche sui letti, dappertutto, sui comodini, penso che a volte cadesse anche sui piatti

GIULIANO MARRUCCI
Rimettere in sesto una struttura così non è una passeggiata, e anche in questo caso il grosso degli aiuti arrivano proprio dall'Italia

GIOVANNI VALERA - CHIRURGO
Ecco, questa è la sala operatoria. Queste attrezzature sono tutte donate dall'Italia.

AMANZIO ZOBBI - CARDIOLOGO
La gran parte vengono da Reggio Emilia, dove c'è un'associazione patrocinata dalla provincia che offre per il terzo mondo attrezzature in disuso ormai nei nostri ospedali. Le raccoglie tutte dai vari ospedali e poi le mette a disposizione delle varie associazioni onlus.

GIULIANO MARRUCCI
Insomma, persone e strutture che ce la mettono tutta non mancano, come però non mancano neanche i rischi

STEFANO BORIANI - PRIMARIO ORTOPEDIA OSP. MAGGIORE - BOLOGNA
Secondo me c'è una tentazione di venire qui, lavorare, fare, però se vai via senza aver fatto scuola, senza aver fatto crescere le persone localmente non fai altro che fare dell'altro colonialismo, cioè, non è mica detto che i colonialisti qua abbiamo fatto tutto male, no, han fatto delle strade, delle dighe, dei ponti, però non hanno insegnato a far le strade e i ponti, e quindi una volta che se ne sono finalmente andati, le strade si autodistruggono, i ponti crollano e nessuno li sa più ricostruire, la stessa cosa in medicina, se tu non insegni alle persone a operare quello che tu fai svanisce come una pozza d'acqua al sole.

GIULIANO MARRUCCI
Ecco perché più che di operare in prima persona il dottor boriani si è preso la briga di tirar su un allievo all'altezza della situazione.

JOAO CARLOS - NEUROCHIRURGO OSPEDALE DI NAMPULA
Grazie a questo rapporto col dottor boriani sono andato tre volte in Italia.

Quello è stato spettacolare per me perché quelle tecniche io mai aveva visto, soltanto nei libri.

STEFANO BORIANI - PRIMARIO ORTOPEDIA OSP. MAGGIORE - BOLOGNA
Niente, l'abbiam portato in italia per tre mesi, l'abbiamo sostenuto ed è venuto su un ottimo chirurgo vertebrale qui in un paese dove la chirurgia vertebrale non esiste&.adesso c'è questo centro che funziona&.

JOAO CARLOS - NEUROCHIRURGO OSPEDALE DI NAMPULA
Io sono il primo neurochirurgo per tutta questa zona, non solo Nampula, ma di tutto il nord del paese che alberga più o meno 12 milioni di gente. Allora tutti che avevano incidente da caduta da mango, da coqueiro, praticamente rimanevano così, paralizzati per tutta la vita, non c'era nessuna speranza. La gente pensava che era una morte naturale perché non c'era soluzione per questi casi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO
L'aspettativa di vita in Mozambico è di circa 38 anni, e chissà quante morti che loro reputano naturali in realtà non lo sono per niente. Tutto quello che si fa per trasmettere esperienza e conoscenza è un passo avanti, anche per uscire da quella miseria che in Africa vuol dire guerre.

Rai.it

Siti Rai online: 847