Rai 3
Televideo

Puntata del 17/04/2005

LAVA l'IVA - aggiornamento del 6 maggio 2004

in onda il 17.04.05

di - Economia

Argomenti: Economia
Inchiesta: Com'è andata a finire
Autori: Stefania Rimini
Autori: Paco Sannino
Stagioni: 2005



Di Stefania Rimini e Paco Sannino

EVASORE FISCALE
Cioè, io dovevo mandare avanti le mie aziende insomma, quindi... ho fatto anch'io l'evasore fiscale con diverse strutture.

VOCE DELL'AUTRICE FUORI CAMPO
Questa testimonianza ci era stata fornita l'anno scorso da un indagato per evasione dell'Iva. Lui trattava materiale informatico ed era stato individuato dagli investigatori dello Svad, il Servizio Antifrode delle Dogane di Bolzano e Fortezza.

AUTRICE
E facile o difficile evadere l'Iva in Italia, secondo la sua esperienza?

EVASORE FISCALE
E una cosa banalissima. Noi non la pagavamo, tanto finché lo Stato ce la chiede passeranno anni e quindi è un gioco che tutti quanti fanno, dove si guadagna molto e se si sta attenti non si rischia nulla.

VOCE DELL'AUTRICE FUORI CAMPO
La frode sull'Iva consiste in un giro di fatture tra società fantasma e società reali, che si comprano e si rivendono la merce tra loro, all'unico scopo di creare un debito Iva in capo a un prestanome, che, al momento di pagare, sparisce.

AUTRICE
Di quante società era prestanome lei, quindi?

EVASORE FISCALE
Ma, io ne ho avute diverse. Sette, otto società, in cui io ero come prestanome o persone compiacenti a me.

CONCESSIONARIO AUTO DI BOLZANO
Qui si lascia tutto il settore in mano a dei delinquenti che se uno vuole rimanere sul mercato, non lo può fare, deve chiudere perché il sistema fa acqua da tutte le parti.

MILENA GABANELLI IN STUDIO
Erano 2 miliardi di Iva truffata nel 2003. Stando alla Banca d'Italia nel 2004 il debito è aumentato di 46,8 miliardi di euro. Il 12 Aprile l'Europa ha preannunciato una possibile procedura contro l'Italia per il deficit eccessivo. Il Ministro Siniscalco risponde che è dovuto ad una crescita bassa. Ma il fronte delle entrate è un colabrodo. Nel 2004 le truffe sull'Iva sono aumentate, hanno raggiunto i 3 miliardi di euro. Un aumento del 50% in un anno. Cosa è successo ce lo racconta Stefania Rimini e Paco Sannino.

VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE
A distanza di un anno la situazione è diventata ancora più critica, dato che le frodi inquinano ormai moltissimi prodotti.

LIBERO ANGELILLIS - direzione centrale accertamento Agenzia delle Entrate
Telefonini cellulari, prodotti hi-fi, la componentistica per personal computer, le carni, l'abbigliamento, le bibite alcoliche e meno.

AUTRICE
In tutti questi si evade l'Iva ampiamente?

LIBERO ANGELILLIS - direzione centrale accertamento Agenzia delle Entrate
Perché lo schema è unico, poi si può applicare a qualsiasi prodotto.

VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE
Lo schema si basa sulla regola che chi compra merce in un altro paese comunitario non è tenuto a pagare l'Iva. E su questo che gioca il sistema dei prestanome.

MARKUS MAYR - sostituto procuratore Bolzano
C'è questa regola dell'Iva nei commerci intracomunitari che chiaramente facilita, perché io riesco a entrare in possesso di un bene esente Iva.

VOCE DELL'AUTRICE FUORI CAMPO
In Italia, il prestanome rivende la merce ad un altro commerciante che sarebbe poi il vero beneficiario della truffa. Il prestanome nella fattura dovrebbe aggiungere il 2 per cento di Iva, per poi versarla al Fisco. Ma a questo punto invece che fa?

LIBERO ANGELILLIS - direzione centrale accertamento Agenzia delle Entrate
A questo punto lui sparisce e non versa l'Iva. Il successivo acquirente si ritrova in mano una merce che ha obiettivamente uno sconto fino al 20 per cento dell'Iva .

VOCE DELL'AUTRICE FUORI CAMPO
Alla fine l'Iva incamerata se la spartiscono i partecipanti alla truffa e in più il commerciante disonesto può allettare il cliente con un lauto sconto.

AUTRICE
Che modello è questa?

CORRADO CORSINI
Carrera 4 cabrio.

AUTRICE
E costa più di 100 mila euro?

CORRADO CORSINI
108 per l'esattezza.

VOCE DELL'AUTRICE FUORI
Questo signore ha speso 108 mila euro dal concessionario ufficiale Porsche. Avrebbe potuto spenderne solo 86 mila se l'avesse presa da uno di quegli autosaloni che importano liberamente, al di fuori dei canali ufficiali. Ma è normale uno sconto del genere?

AUTRICE
Cioè che cosa le avevano offerto?

CORRADO CORSINI
Una vettura molto simile a quella che cercavo, innanzitutto era in pronta consegna perché praticamente era già disponibile mentre per la mia comunque ho dovuto attendere un po' di tempo. Quello che era molto appetibile più che altro era che la pagavo circa 20 mila euro in meno.

VOCE DELL'AUTRICE
Ma si trattava di uno sconto generoso oppure lo sconto camuffava un lavaggio dell'Iva? Infatti se l'Iva fosse risultata evasa, c'era il rischio di vedersi poi sequestrare la targa e il libretto. Nel dubbio, il suo commercialista gli ha consigliato di lasciar perdere.

CORRADO CORSINI
Non le nascondo che comunque ho posto qualche resistenza al mio commercialista perché mi sembrava comunque un affare, però alla fine abbiamo poi preferito comprare la vettura ufficiale.

VOCE DELL'AUTRICE FUORI CAMPO
In realtà è raro che il cliente finale ci vada di mezzo, dato che sono più di 60 mila all'anno le auto che vengono importate evadendo l'Iva, per cui la Motorizzazione ha gettato la spugna e ha passato la grana alla magistratura. Ma si sa che la giustizia ha i tempi lunghi e nel frattempo gli evasori si arricchiscono e il più delle volte la fanno franca.

ALESSANDRO MANCINI - sostituto procuratore Forlì
Queste attività consentono profitti realizzati in pochi anni nell'ordine di qualche milione di euro, a fronte di un rischio che è piuttosto ahimè limitato, perché effettivamente…

AUTRICE
Ce ne sono tanti?

ALESSANDRO MANCINI - sostituto procuratore Forlì
Ce ne sono così tanti che è impossibile controllarli tutti.

VOCE DELL'AUTRICE FUORI CAMPO
Ormai è girata la voce che evadendo l'Iva si fanno i soldi facili. Infatti le auto importate sono passate da 100 mila a oltre 200 mila all'anno, mentre si stima che una su quattro sia stata venduta rubando all'Erario. Tant'è vero che gli autosaloni liberi nascono come i funghi.

PAOLO POLI - autosalonista importatore parallelo
Casomai erano ex dipendenti di aziende che importavano, così dicono: "perché devo stare alle dipendenze per cinque milioni al mese quando posso tranquillamente guadagnarli con una sola auto? Apro da solo, faccio cinque o sei macchine al mese e prendo cinque volte quello che prendo come dipendente, visto che è molto semplice".

VOCE DELL'AUTRICE FUORI CAMPO
In più, oltre al danno per l'Erario, i disonesti strangolano gli onesti giacché offrono il loro prodotto fino al 20 per cento in meno

MARKUS MAYR - sostituto procuratore Bolzano
Il 20 per cento fa differenza perché poter offrire a 6 o 7 o 8 mila euro in meno vuol dire che il concessionario della porta accanto la sua che la vende con l'Iva non la vende più.

AUTRICE
Che marche....?

MARKUS MAYR - sostituto procuratore Bolzano
Tutte. Anche Fiat, tantissime Fiat che sono vendute in Francia e poi dalla Francia tornano in Italia. Migliaia.

VOCE DELL'AUTRICE FUORI CAMPO
Proviamo. Metti che vogliamo comprare una Smart. Ce la potrebbe vendere uno che fa l'intermediario oppure, ma di questo non siamo certi, fa il prestanome per conto di un autosalone.

INTERMEDIARIO
Allora, io ho due vetture disponibili qui su Roma. Ho questa qui che è una For Two nuova per esempio, che è bella accessoriata perché la macchina è argento, il pannello argento costa 600 euro, impianto stereo, radio cd, orologio e contagiri, servosterzo comodo da morire, tendalino copribagaglio e tendalino scorrevole sul tetto.

AUTRICE
Questa è nuova?

INTERMEDIARIO
La macchina è nuova sì. Allo Smart Center la vendono a 16 mila e 200 euro. Io ce l'ho compresa l'immatricolazione a 14 mila.

AUTORE
2 mila euro in meno?

INTERMEDIARIO
2 mila e 200 euro in meno e se calcoli.

AUTRICE
Già immatricolata?

INTERMEDIARIO
Già immatricolata. E sono 600 euro in meno rispetto al prezzo di listino. Costa 600 euro la nazionalizzazione, sì.

VOCE DELL'AUTRICE FUORI CAMPO
La nazionalizzazione serve perché la vettura che ci offre l'intermediario è stata importata. Vorremmo sapere, quanto l'avrà pagata lui in Germania, per potermela offrire così ribassata? Facciamo fare un'analisi della sua offerta a un importatore serio.

PAOLO POLI - autosalonista importatore parallelo
Io comprandola in Germania, in Olanda, in Francia, dove l'ho comprata, avrò sicuramente un 200 euro di trasporto, un 380 euro di immatricolazione, mettiamo un 20 euro di spese per pagamenti fra dogane, banche, quello che vuole..... arriviamo a 850. Dovrò guadagnare almeno 450 euro? Arriviamo a un acquisto netto a 10 mila e 5.

AUTRICE
Che è realistico?

PAOLO POLI - autosalonista importatore parallelo
No. Non si trova.

VOCE DELL'AUTRICE FUORI CAMPO
Il sospetto è che sia stata evasa l'Iva. Ma l'intermediario come lo spiega lo sconto?

AUTRICE
14 mila....

INTERMEDIARIO
Che non è male perché mi hanno fatto proprio lo sconto completo dal listino dalla fabbrica. Per questo c'è questo grosso sbalzo di prezzo, perché l'ho presa direttamente dalla fabbrica.

VOCE DELL'AUTRICE FUORI CAMPO
La fabbrica? Non c'è pericolo che uno si presenta, bussa alla fabbrica della Smart in Germania e la fabbrica gliela vende. Già è difficilissimo per gli importatori italiani essere presi in considerazione dalle fabbriche per ordini da centinaia di vetture, figurarsi uno che ne vuole due o tre.

PAOLO POLI - autosalonista importatore parallelo
E difficile trovare delle Smart così come tante Audi, è difficile trovarle....perché solitamente fra le spese di trasporto che lei ha, lo sconto che lei riesce ad avere all'estero, applicando dopo l'Iva qua al 20 per cento, con il trasporto e l'immatricolazione, non c'è alla fine questo grandissimo guadagno. Anche perché lei non può acquistare un'auto sola per fare il trasporto, deve acquistare minimo cinque, sette, otto auto. Per cui diventa un impegno finanziario non piccolo, notevole, dal quale deve avere anche un buon guadagno, sennò non ha senso investire 100 o 200 mila euro su un carico di auto per guadagnare...quanto?

VOCE DELL'AUTRICE FUORI CAMPO
I margini di guadagno quindi non ci sono. Torniamo a chiederci: come salta fuori questa riduzione del prezzo di 2 mila e 200 euro?

ALESSANDRO MANCINI - sostituto procuratore Forlì
Non versando l'Iva.

AUTORE
E questa qui è già disponibile? Se vado da un concessionario ufficiale quanto ci metto per prenderla?

INTERMEDIARIO
Ufficiale? Allo Smart Center?

AUTRICE
Sì.

INTERMEDIARIO
Allo Smart Center tieni conto: il prezzo è pieno e in più devi aspettare un mese e mezzo, due mesi.

AUTRICE
Invece qua ce l'abbiamo già subito?

INTERMEDIARIO
Subito.

AUTRICE
Queste qua vengono da fuori?

INTERMEDIARIO
Tutte, sì sì ........

VOCE DELL'AUTRICE FUORI CAMPO
A questo punto l'intermediario telefona all'autosalone con cui è d'accordo.

INTERMEDIARIO
Ascolta un secondo, la Smart ce l'hai ancora, quella là bella, full? Ti posso mandare il cliente a vederla? Bene.....

AUTRICE
Grazie, ciao

VOCE DELL'AUTRICE FUORI CAMPO
Ma come si fa a sapere se è stata evasa l'Iva? Basta che l'auto sia a buon mercato?

PAOLO POLI - autosalonista importatore parallelo
Non è detto per forza che tutto quello che è a buon mercato sia per forza evaso, non è detto. Non c'è più riferimento, è quello che crea lo scompiglio totale nel mercato, perché lei non sa più da chi, cosa e come comprare.

VOCE DELL'AUTRICE FUORI CAMPO
Non ci rimane che andare all'autosalone a vedere la macchina.

AUTORE
Era per vedere una Smart grigia, una For Two.

AUTOSALONISTA
Sì, a benzina?

AUTORE
Sì. Ci ha detto che dovevamo venire qui.

AUTOSALONISTA
Sì.

AUTRICE
Queste sono nuove?

AUTOSALONISTA
Nuove di zecca.

AUTRICE
E questa?

AUTOSALONISTA
Quella che dicevamo oggi? E quella là col servosterzo.

VOCE DELL'AUTRICE FUORI CAMPO
Comunque alla fine la fattura ce la farebbe l'autosalone.

ALESSANDRO MANCINI - sostituto procuratore Forlì
L'autosalone ha pagato l'autovettura, tenendo conto del fatto che non è stata pagata l'Iva.

AUTRICE
Quindi fisicamente la macchina viene dalla Germania piuttosto che dalla Francia?

ALESSANDRO MANCINI - sostituto procuratore Forlì
Certo.

AUTRICE
Però non è detto che sia un giro così semplice? Cioè, sopra ci caricano tutto un giro di carte per mascherare l'evasione dell'Iva?

ALESSANDRO MANCINI - sostituto procuratore Forlì
Esatto.

VOCE DELL'AUTRICE FUORI CAMPO
Nella truffa fanno figurare che in Italia la macchina è stata rivenduta varie volte a società fittizie e ad ogni passaggio di carte si lava via un po' d'Iva, finché l'auto è arrivata all'intermediario che l'ha ceduta al commerciante d'auto italiano.

INTERMEDIARIO
Vedi . Le prendiamo tutte allo Smart Center.

AUTRICE
Posso sedermi? E tutta imbustata.

INTERMEDIARIO
E perché vengono direttamente dalla fabbrica.

AUTRICE
Sì, sì.

INTERMEDIARIO
Questo è il modello nuovo.

VOCE DELL'AUTRICE FUORI CAMPO
L'intermediario può raccontare quello che vuole, tanto di solito è un nullatenente che non rischia niente.

AUTRICE
Da questi prestanome si riesce a recuperare dell'Iva evasa?

LIBERO ANGELILLIS - direzione centrale accertamento Agenzia delle Entrate
No, è difficile. Da questi soggetti assolutamente no, perché lo prevede lo schema.

AUTRICE
Sono messi lì per quello?

LIBERO ANGELILLIS - direzione centrale accertamento Agenzia delle Entrate
Esatto.

VOCE DELL'AUTRICE FUORI CAMPO
Con l'ultima Finanziaria poi sono state introdotte un insieme di contromisure, tra cui la possibilità di perseguire il vero organizzatore della truffa.

LIBERO ANGELILLIS - direzione centrale accertamento Agenzia delle Entrate
La responsabilità lega il prestanome che non versa l'Iva, la stessa Iva la chiediamo all'acquirente a determinate condizioni.

VOCE DELL'AUTRICE FUORI CAMPO
Con questa norma si spera di turare la falla, come è già successo nel 2003 per l'evasione dell'Iva sulle auto usate.

LIBERO ANGELILLIS - direzione centrale accertamento Agenzia delle Entrate
Lì abbiamo adottato una misura di contrasto nel 2003 e questo fenomeno si è affievolito.

VOCE DELL'AUTRICE FUORI CAMPO
Secondo gli operatori corretti però un conto sono le norme e un conto è la loro applicazione. Si vedono gli evasori, di cui loro hanno fatto nomi e cognomi alle autorità, che continuano a fare affari .

PAOLO POLI - autosalonista importatore parallelo
Abbiamo fatto presente: come mai accade ancora questo nonostante sia stato chiarito tutto nel 2003? Ci hanno detto: "stiamo indagando, stiamo indagando". Questo l'anno scorso. Adesso questo signore come tanti altri sta ancora lavorando tranquillamente.

AUTRICE
E fa sempre la stessa frode?

PAOLO POLI - autosalonista importatore parallelo
Sì, sì.

MILENA GABANELLI IN STUDIO
In un anno qualcosa è cambiato, è stato istituito un gruppo antifrode tanto per evitare che spostando le sedi di qua e di là i truffatori riescano a sviare le indagini. Poi sono stati istruiti 600 funzionari per seguire il problema specifico, ma la cosa più importante è che nell'ultima finanziaria è stata introdotta la norma sulla responsabilità solidale, cioè chi compra dal prestanome non potrà più dire che non ne sapeva niente, ma deve anche dimostrarlo, altrimenti l'Iva evasa dovrà pagarla lui. Quindi la norma c'è, se verrà applicata lo sapremo tra un anno.

Rai.it

Siti Rai online: 847