Rai 3
Televideo

Puntata del 28/05/2006

LUNGA VITA AL PC

in onda il 28.05.06

di - Ambiente

Inchiesta: Goodnews
Argomenti: Ambiente
Stagioni: 2006
Autori: Giuliano Marrucci

MILENA GABANELLI IN STUDIO
Prima della buona notizia, una buona notizia. Molti telespettatori ricorderanno la nostra annosa questione con ferrovie dello Stato e i 4 ferrovieri licenziati. Mercoledì il tribunale di Genova ha imposto a Trenitalia l'immediato reintegro di uno dei 4, con il pagamento degli stipendi arretrati e spese legali. Noi siamo felici e speranzosi che vengano reintegrati anche gli altri 3.
L'Italia con due anni di ritardo ha recepito la direttiva europea che regola lo smaltimento dei rifiuti elettronici, parliamo di computer, che nella maggior parte dei casi buttiamo via quando funzionano ancora bene, sono solo vecchi. Si cambiano ogni 3 anni. ha la durata media di una fidanzata dice il nostro Giuliano Marrucci. Ma per fortuna ci sono i riutilizzatori .

AUTORE
Per molti di noi il computer ormai è come un membro della famiglia, o come una fidanzata, che però possiamo comprare nuova al negozio ogni volta che esce un modello migliore, e cosi' dopo poco del nostro vecchio amore cosa rimane?

TG2
Montagne di rifiuti, non spazzatura comune, rifiuti elettronici: arrivano dall'Europa dagli stati uniti, dal Giappone, dalla corea del sud, e si fermano qui, a Guyou, nel sud della Cina.

TG3
Ecco Sintetizzata La Storia Di Guyou, Che Nessuno Nel Mondo Ha Mai Sentito Nominare Ma Che È Diventata La Discarica Della Società Dei Computer

TG2
Donne uomini e anche bambini rovistano in questo cimitero della tecnologia per recuperare tutto ciò che è riciclabile, mercurio, silicio, piombo e cromo si liberano nell'aria

TG3
Guyou registra un'altissima incidenza di malattie polmonari e del sangue, di mortalità infantile e di tubercolosi mentre i fiumi sono diventate discariche a cielo aperto

AUTORE
è l'altra faccia del mercato, efficientissimo quando si tratta di sedurci con tecnologie sempre più potenti, ma cieco di fronte alle conseguenze nefaste del nostro consumismo sfrenato.
Ma c'è chi vede anche quello che il mercato cerca di ignorare. come questi ragazzi di Empoli, convinti che i computer che finiscono in discarica in realtà a qualcosa potrebbero sempre servire, basta ingegnarsi un po'.

ALBERTO GISTRI - Golem Empoli
Questo quadro qua su non è solo un quadro ma è anche un computer funzionante, se attacchiamo l'alimentazione , ci mettiamo la tastiera e il mouse, è un quadro attaccato al muro ma funziona anche
Un'altra opera dell'artista

ALESSANDRO UGOLINI - Golem Empoli
La scatola è fatta di tek, è l'unica cosa veramente di valore, saranno 10 euro di tek, poi, la cintura è quella di quando andavo all'elementari, no, forse alle medie
Tutti i pezzi dentro non l'ho pagati niente

AUTORE
E questo è un pc

ALESSANDRO UGOLINI - Golem Empoli
È un pc, si

AUTORE
Nel senso che se lo attacco alla corrente e ci attacco un monitor, funziona

ALESSANDRO UGOLINI - Golem Empoli
Si.
Ho attaccato la scheda madre con 5 viti di recupero, anche le viti devono essere di recupero sennò perdeva il senso.
L'unica cosa che costava era il legno.
È bello perché i cd si infilano svitando un pezzo.
Il prossimo progetto era il bidone, ma il bidone sono arrivato a mezzo, avevo preso un bidone, l'ho aperto, c'ho fatto uno scasso, c'ho messo dentro un monitor, poi era proprio un bidone dell'immondizia.
Il bidone non l'avevo pagato niente perché l'ho fregato ai giardini........

AUTORE
Sembrano manie per feticisti del recupero ad ogni costi, e invece sono la palestra per un progetto ambizioso e molto concreto, nato qui a Empoli tra questi cavalieri della tecnologia democratica, e che consiste nel dare nuova vita ai computer perfettamente funzionanti che ogni giorno buttiamo via per comprarne di più potenti.

ALBERTO GISTRI - Golem Empoli
Nello stesso territorio, nello stesso momento, c'è un doppio problema, cioè, da un lato vengono buttati via computer ancora funzionanti con anche problemi ecologici e ambientali nello stesso momento c'è carenza di questi strumenti, visti anche come strumenti di comunicazione
Quello che riusciamo a fare è cortocircuitare questi due problemi.

AUTORE
Alla asl di Empoli ad esempio i computer che non usano più sono ovunque.

ALESSANDRO CARRAI - Asl Empoli
Fra tutto, quelle che sono qui e quelle che non sono qui, sono circa una quarantina
L'utilità ce la potrebbero continuare ad avere, sostanzialmente non ce l'hanno più per noi perché per un azienda i programmi oggi utilizzati richiedono una potenza elaborativa maggiore, mentre per un uso più soft, più leggero può essere utilizzato ugualmente.

AUTORE
Sono le utilitarie dei computer, e come per le macchine, se ti servono solo per girarci in città, vanno più che bene, oggi ne recuperiamo un paio.

ALESSANDRO CARRAI - Asl Empoli
Mi raccomando fate un bel lavoro.

DARIO FAGGIOLI - Golem Empoli
Vi si farà sapere quel che ne abbiamo fatto.

AUTORE
E si aggiungono al vecchio bottino

DARIO FAGGIOLI - Golem Empoli
Si

ALBERTO GISTRI - Golem Empoli
Qua vediamo i computer recuperati
Computer ancora funzionanti che possono essere utilizzati

AUTORE
Utilitarie appunto, non rottami.

ALBERTO GISTRI - Golem Empoli
Ci sono anche persone normalissime che navigano su internet, inviano la posta, e scrivono una lettera, questo è possibile farlo anche con una macchina vecchia

AUTORE
Basta avere un po' di pazienza.
le macchine vanno testate, i pezzi rotti vanno sostituiti, e poi ci vanno messi i programmi, perché un computer senza programmi è come una macchina senza benzina. il bello però è che per i computer esiste una benzina che non costa niente. si chiama software libero, e funziona esattamente come quello che abbiamo tutti a casa, e che magari abbiamo pagato un sacco di soldi, come Windows della Microsoft

ALBERTO GISTRI - Golem Empoli
Programmi che possono essere legalmente copiati su ogni computer e poter dare una funzionalità ulteriore, allungare la vita del computer, in modo poco costoso, stabile, sicuro, legale

AUTORE
Sommando computer riciclati e programmi gratuiti si ottiene una postazione perfettamente funzionante a costo zero. che i nostri amici di Empoli hanno deciso di regalare a questa scuola

AUTORE
Avete visto vi hanno portato un computer nuovo, siete contenti?

BIMBI
Noooooo

ROSSELLA DEI -Insegnante
Queste qui sono due macchine che c'hanno dato loro

AUTORE
Questa è la nuova arrivata.

DARIO FAGGIOLI - Golem Empoli
Questa è la nuova arrivata si sta accendendo adesso

AUTORE
Visto che sono gratis qui i computer ce li hanno addirittura dentro la classe.

ROSSELLA DEI - Insegnante
Tutto quello che è gratis nella scuola ci puo' entrare

AUTORE
Cosa ci fate con questi computer?

BIMBI
Ci si gioca
Ci studiamo
Ci studiamo? Io vedo sempre giocare

AUTORE
Ci devi fare anche la lezione

BIMBI
Dici eh? Ci si deve fare anche la lezione
Se è proprio obbligatorio ci si farà, non è il massimo

BIMBI
A volte ci si fa gli esercizi di grammatica

BIMBI
Si, però non li rispettiamo, facciamo sempre altri giochi

AUTORE
Lo sapevate che se non era qui era in una discarica?

BIMBI
Si, si sa

AUTORE
E secondo voi sono da buttar via questi computer?

BIMBI
Noooooo

BIMBI
Funzionano anche meglio di quelli che non buttano via bah.......

BIMBI
Sono catorci però......

AUTORE
Vabbè, però sono gratis

BIMBI
Li paga la scuola mica li paghiamo noi

BIMBI
Io non li butterei via, perché servono sempre a qualcosa

BIMBI
Non buttateli via, regalateli alle scuole che ce n'hanno pochi e non sanno come averli e voi intanto li buttate via, meglio regalarli alle scuole,e almeno ne fanno buon uso

BIMBI
Non buttate i computer!
E regalateli alla scuola!

ALBERTO GISTRI - Golem Empoli
Il riutilizzo che facciamo noi non è come riciclare la carta ma è come girare il foglio, quindi un computer non deve essere distrutto e poi ricostruito ma girato il foglio e continuare ad utilizzarlo

AUTORE
E a proposito l'idea migliore l'ha avuta il professor Carugo dell'istituto tecnico marchi di Pescia, dove c'è un laboratorio fatto interamente con computer di recupero, che non sono costati niente ma che hanno prestazioni da ultima generazione

SILVERIO CARUGO -Professore Istituto Tecnico Marchi Pescia
È possibile perché questi personal computer obsoleti vengono collegati ad un server che nel caso specifico è quello che vediamo qui sulla sinistra

AUTORE
Il server non è che un computer come gli altri ma un po' più potente. quando ci colleghiamo i computer più vecchi, il grosso del lavoro lo fa lui, e più è potente e più sono i computer che ci possiamo collegare.

SILVERIO CARUGO - Professore Istituto Tecnico Marchi Pescia
Da qui l'idea che anziché disseminare nelle scuole italiane 12 mila server era forse il caso di raggruppare 12 mila server in un unico luogo, megaserver utilizzati da una pluralità di scuole

AUTORE
Proprio come accade nell'altro laboratorio di questa scuola dove dei vecchi computer tramite internet sono collegati ad un server potentissimo che si trova ad Udine

SILVERIO CARUGO - Professore Istituto Tecnico Marchi Pescia
Anche con una macchina vecchia è tuttavia possibile utilizzare delle risorse computazionali esattamente come si ottiene con gli altri tipi di macchine di ultima generazione.

AUTORE
Sarebbe la fine del pc usa e getta.

SILVERIO CARUGO - Professore Istituto Tecnico Marchi Pescia
Esattamente la fine del pc usa e getta tant'è che persone avvedute come i dirigenti di IBM hanno dismesso la produzione del personal computer.

MILENA GABANELLI IN STUDIO
Vorrà dire che stanno arrivando i pezzi di ricambio? Chi lo sa, era una buona notizia e per ora ci fermiamo lì, con l'appuntamento per domenica prossima.

Rai.it

Siti Rai online: 847