Rai 3
Televideo

Puntata del 28/10/2007

BUCONERO S.p.A.

In onda domenica 28 ottobre 2007

di - Economia

BUCONERO S.p.A.

Argomenti: Economia
Stagioni: 2008
Autori: Sigfrido Ranucci

English Version

MILENA GABANELLI IN STUDIO

Eccoci qua, questa sera vi delizieremo con una vera “grana padana”, esportata in tutto il mondo. La storia della Parmalat. Come è cominciata e a che punto siamo.

UOMO 1
Hanno detto di farle vedere questa.

SIGFRIDO RANUCCI
Che cos’è questa?

UOMO 1
E’ una targa attaccata di fianco all’ingresso della sede di via Grassi.

SIGFRIDO RANUCCI
Questa era praticamente la targa che era attaccata dove ha cominciato l’attività Tanzi?

UOMO 1
Perfetto! Infatti vedi che c’è i salumi e conserve...

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
In questo deposito alle porte di Collecchio è conservato l’inizio e la fine dell’impero di Tanzi: una scritta sbiadita su una targa di marmo, i macchinari impolverati usati dai suoi dipendenti e anche le sue passioni.

SIGFRIDO RANUCCI
Ma queste di chi erano, di Tanzi personalmente proprio, padre?

UOMO 1
Padre, figlio... cambiava poco.

SIGFRIDO RANUCCI
Queste ce le avevano per collezione?

UOMO 1
Si.

SIGFRIDO RANUCCI
Ma ci andavano in giro che Lei sappia?

UOMO 1
Mah, qualche volta ho visto qualcuno arrivare con queste macchine. Le portavano lì, quindi venivano per strada. Questa è del 1932, ha 75 anni.

SIGFRIDO RANUCCI
Queste adesso sono sotto sequestro praticamente?

UOMO 1
Si, esatto.

SIGFRIDO RANUCCI
Queste stavano qui in mezzo agli atti eh? Senta ma in totale quanti ce ne saranno qui di documenti?

UOMO 1
Tra qua e poi ce ne abbiamo anche là... vede poi sono tutti scaffali come questi, scatole con delle bolle, sono documenti che servono...

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Oltre 2 milioni di atti amministrativi, è la storia della Parmalat, che i magistrati stanno visionando documento per documento.

UOMO 1
Poi bisogna andare a tirare fuori quella che chiedono. Quella lì di quel giorno lì, di quel cliente lì, di quel...

SIGFRIDO RANUCCI
Sono sotto sequestro anche gli atti?

UOMO 1
Eh si, eh si...

MILENA GABANELLI IN STUDIO
La piccola azienda di conserve esce dai confini, va in borsa, diventa multinazionale, dà lavoro a tanta gente e diventa uno dei marchi più importanti del mondo. Ad un certo punto però, sotto il marchio, tante carte false! Chi l’avrebbe mai detto! A Natale del 2003, 130 mila risparmiatori rimangono senza niente in mano. E gli azionisti pure. Sono passati 4 anni, a Milano il processo è in corso e fra qualche mese partirà anche quello di Parma, alla sbarra i Tanzi, i manager, i revisori, le banche. L’azienda invece che non è mai fallita perché entrata nel decreto salva imprese sta risalendo la china. Intanto i risparmiatori attendono e anche quelli oltreoceano, e quelli fanno più paura. La parola class action in questi mesi sta agitando molti animi e vedremo perché. Prima di arrivarci però proviamo a rispondere alla famosa domanda “chi l’avrebbe mai detto?”. Ovvero come ha fatto Tanzi prima a diventare così grande e cosa ha fatto poi per cercare di rimanerlo. Con Sigfrido Ranucci cominciamo dall’inizio.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Arriviamo alla Parmalat, a Collecchio, con l’ennesima fornitura giornaliera di latte. E’ dall’inaugurazione di questo stabilimento che non ci si è mai fermati di lavorare, neppure durante i giorni del crac. Sotto la rigida amministrazione di Enrico Bondi, si lavora in silenzio, ci permettono di girare alcune immagini.

DIPENDENTE PARMALAT COLLECCHIO
Se per qualche motivo non ci fossero stati i giornali e le televisioni, la gente di produzione non si sarebbe accorta di quello che succedeva perché abbiamo avuto la grande fortuna di non aver problemi di approvvigionamento, le vendite sono rimaste sostanzialmente quelle che erano quindi se uno fosse rimasto chiuso in questo mondo non si sarebbe accorto che fuori stava succedendo l’ira di Dio.

DIPENDENTE PARMALAT COLLECCHIO 2
Noi siamo ancora convinti che effettivamente l’azienda avesse due anime molto diverse una dall’altra.

SIGFRIDO RANUCCI
Infatti qualcuno ha detto che si è rovinata quando Parmalat è diventata una sorta di finanziaria invece di...

DIPENDENTE PARMALAT COLLECCHIO 2
... invece di fare il latte come ha sempre fatto.

SIGFRIDO RANUCCI
Però il mistero è quello dei soldi scomparsi.

DIPENDENTE PARMALAT COLLECCHIO 2
Se voi con la vostra trasmissione riuscite a capire dove sono... ci fate un favore anche a noi. Il discorso è questo, se voi in paese andate a chiedere di Tanzi nonostante tutto quello che è successo, probabilmente il 90% vi risponde che è una brava persona. Certo che se becca uno che ha investito in azioni, le risponde in modo diverso.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Andiamoci a Collecchio, così tanto per vedere qual è l’umore 4 anni dopo il crac da 14 miliardi di euro.

SIGFRIDO RANUCCI
La colpa di chi è di tutta questa vicenda?

UOMO 2
Dei politici... dei politici

UOMO 3
Ma come si fa...

SIGFRIDO RANUCCI
Perché i politici?

UOMO 2
Perché sono dei mangia pane a tradimento. Loro chiedono, ma dare poco...

SIGFRIDO RANUCCI
Beh, però chi è che ha fatto il buco è Tanzi...

UOMO 2
No, no le banche prima di tutto! Tanzi ha messo apposto della gente.

SIGFRIDO RANUCCI
Ma perché lo difendete tanto Tanzi voi?

UOMO 2
Perché ha fatto anche del bene, non sarà mica il primo delinquente!

SIGFRIDO RANUCCI
Ce l’ha con Tanzi?

UOMO 4
No, no. Io Tanzi l’ho conosciuto allora... era una gran brava persona, molti anni... .

SIGFRIDO RANUCCI
E allora con chi ce l’ha?

UOMO 4
Con tutto il sistema.

SIGFRIDO RANUCCI
La verità deve ancora arrivare no?

DONNA 1
Se mai arriverà!

SIGFRIDO RANUCCI
Lei dubita su questo?

DONNA 1
Dubito molto, dubito molto della giustizia italiana.

SIGFRIDO RANUCCI
Posso farle una domanda sul caso Parmalat?

UOMO 5
No, no, non faccio niente.

SIGFRIDO RANUCCI
Perché non vuole parlare?

UOMO 5
Non faccio niente! Non voglio... mi dovete scusare ma io non faccio niente...

SIGFRIDO RANUCCI
Mi spiega perché nessuno vuole parlare del caso Parmalat, eh signora? Di chi sono le responsabilità?

DONNA 2
Lo chieda ad altre persone, non a me!

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
E perché non dovremmo chiedere a lei, signora, visto che è la moglie dell’ ex direttore finanziario della Parmalat, Fausto Tonna. Certamente qualche informazione su questa storia la conosce. Una storia cominciata tanto tempo fa...
La data è il 27 novembre del 1982, il luogo la sala del Campidoglio a Roma, il Presidente della Repubblica Sandro Pertini, assegna per la prima volta i premi Alcide de Gasperi, destinati, recitava la motivazione, alle personalità che contribuiscono a rendere grande il nostro Paese. La medaglia davanti al gotha della DC, viene data a Federico Fellini, a Renato Guttuso a Eduardo de Filippo e all’allenatore di calcio che aveva vinto il mondiale: Enzo Bearzot. Ma tra i premiati spunta a sorpresa un industriale conosciuto ma non certo famoso: Calisto Tanzi. La sorpresa diminuisce se si considera che l’evento fu organizzato da Ciriaco De Mita, astro nascente della Democrazia Cristiana. Tra loro da qualche anno era una salda amicizia. Ed era facile vederli insieme dalle parti di Collecchio.

UOMO 6
De Mita lo sappiamo che c’era... erano amici...

SIGFRIDO RANUCCI
Ma è vero che andava nella sua villa a giocare a carte?

UOMO 7
Si, beh, loro si ritrovavano in quella villa là di Maggiali...

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Gregorio Maggiali detto “Rino” esponente di quel sottobosco di partito dove spesso si confondono affari e politica. Era qui nella sua villa, tra le colline di Parma, ora in ristrutturazione, che De Mita veniva a passare alcuni momenti di relax.

SIGFRIDO RANUCCI
Ma che venivano a fare?

ANONIMO
De Mita era amico dell’industriale che stava qui. Erano amici dell’industriale che stavano qua... e allora veniva qua a passare il fine settimana e dopo sa, gli affari che hanno loro poi...

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
In queste stanze si svolgevano le interminabili partite a tresette con Tanzi, è qui che si consumava l’attesa dei risultati elettorali. Grazie a Maggiali, nasce tra De Mita e Tanzi, un rapporto destinato a durare per oltre un quarto di secolo. Il fratello di Rino, don Luigi Maggiali, è il parroco della chiesa Ognissanti di Parma dove ancora oggi la domenica si reca a messa il cavalier Tanzi... .

SIGFRIDO RANUCCI
Cerco Don Luigi Maggiali, sono Ranucci.

DON LUIGI MAGGIALI
Si.

SIGFRIDO RANUCCI
E’ Lei?

DON LUIGI MAGGIALI
Eh.

SIGFRIDO RANUCCI
E’ Don Luigi? Buonasera. Sono Sigfrido Ranucci della Rai.

DON LUIGI MAGGIALI
Eh.

SIGFRIDO RANUCCI
Noi stiamo cercando di ricostruire tutta la vicenda Parmalat però dal punto di vista...

DON LUIGI MAGGIALI
Io... per l’amor di Dio!

SIGFRIDO RANUCCI
... dal punto di vista... .niente?

DON LUIGI MAGGIALI
Io non dico neanche una virgola.

SIGFRIDO RANUCCI
Perché?

DON LUIGI MAGGIALI
Perché no. Fin d’allora a me non mi interessa. Va bene?

SIGFRIDO RANUCCI
So che Lei conosce Tanzi...

DON LUIGI MAGGIALI
No, no, no, no, no, niente, quindi grazie ma proprio non dico una parola.

SIGFRIDO RANUCCI
Senta ma è vero che è stato suo fratello a presentare Tanzi a De Mita?

DON LUIGI MAGGIALI
Io non dico una parola. Non continui, non insista perché io non dico una parola, va bene?

SIGFRIDO RANUCCI
Sa chi è che potrebbe parlarmi di questa faccenda?

DON LUIGI MAGGIALI
A non lo so, qui no. Qui in questa zona no. Non glielo so dire.

SIGFRIDO RANUCCI
Ma la comunità qui a Parma come l’ha vissuta questa cosa?

DON LUIGI MAGGIALI
La comunità... ho detto che non parlo. E basta!

SIGFRIDO RANUCCI
Ma perché mi tratta così?

DON LUIGI MAGGIALI
No... io non tratto... io tratto Lei come ho trattato tanti altri. Su questo tema ho detto che non voglio dire e non dirò niente, quindi basta, gliel’ho già detto e quindi chiuso!

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Il ruolo di Rino Maggiali rimane nell’ombra fino ‘93, quando a Torino si apre il processo per un altro crac quello della Rayton Fissore, che produceva i fuori strada Magnum, che per un certo periodo furono anche in dotazione alla polizia. Maggiali, per evitare il crac, chiede aiuto a un gruppo di amici tra cui De Mita, il presidente dell’ Istituto San Paolo di Torino, Gianni Zandano (in quota sinistra DC) e Tanzi. La procura scopre che Parmalat aveva versato assegni circolari per 1,5 miliardo di lire. Nei bilanci del gruppo di Tanzi però la Rayton Fissore non appare, al suo posto viene usato un nome di fantasia: Buzanca. L’ipotesi della procura è che la Rayton Fissore di Maggiali funzionasse in realtà come una sorta di recipiente per i finanziamenti poi dirottati alla sinistra DC. De Mita viene indagato per concussione e poi la sua posizione fu archiviata. Quando l’azienda di Collecchio nel 1984 apre un secondo stabilimento al sud, indovinate dove lo fa?

EX MANAGER PARMALAT
Fu De Mita che caldeggiò la sede di Nusco.

SIGFRIDO RANUCCI
E’ vero che non fu una scelta felice questa?

EX MANAGER PARMALAT
Lo stabilimento non andava bene ma non per gli abitanti di Nusco, ma non andava bene perché era il business che era sbagliato.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Paese natale del segretario democristiano, la fabbrica si trovava a 5 minuti dalla villa bunker di De Mita e a 40 chilometri di strade disagevoli dall’autostrada piu’ vicina .

ANONIMO
Questa è la Mister Day, ex Parmalat. E’ nata prima quella, poi tutto il resto.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Tutto il resto significa fabbriche per la lavorazione di alluminio che emettono veleni, impianti per lo smaltimento di rifiuti tossici e depuratori di ogni tipo... Perché un’azienda alimentare fosse stata autorizzata a finire lì, in barba a ogni cautela sanitaria, è un mistero. Inevitabile che un giorno qualcuno accanto all’impianto per le merendine dei bambini ci trovasse una sorpresa.

MARIA GRAZIA VALENTINO – EX VICESINDACO NUSCO
Hanno trovato praticamente dei rifiuti tossici arrivati da La Spezia. Tant’è che lo stabilimento della Iato è stato bonificato.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
La Corte dei Conti in una relazione del 2000 sui contributi dello stato alle industrie per il post terremoto in Irpinia ha rivelato che Tanzi per aprire lo stabilimento ha presentato la domanda 9 mesi dopo la scadenza dei termini. Ma i contributi vengono erogati ugualmente e anche di più di quanto chiesto.

GENNARO IMBRIANO – SEGRETARIO PROVINCIALE RIFONDAZIONE COMUNISTA
E’ stata credo, da quello che ricordo, l’unica azienda in cui si è verificata questa anomalia. Quella appunto di un riconoscimento di fondi maggiore della richiesta stessa. Si tratta di una decina di miliardi, una decina di miliardi, mi sembra 11 miliardi, questo è stato.

SIGFRIDO RANUCCI
Invece di 8 di quanti ne aveva chiesti?

GENNARO IMBRIANO – SEGRETARIO PROVINCIALE RIFONDAZIONE COMUNISTA
Si, si esatto.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
A realizzare gli impianti fu il costruttore Michele De Mita, segretario della locale sezione DC nonché fratello di Ciriaco. Perché sorprendersi allora se, nell’ ‘86, l’Avellino calcio, alla disperata ricerca di denaro, trovò un contratto di sponsorizzazione proprio con il gruppo di Collecchio a marchio Santal? E Nel 1991 fu la Bonatti, l’impresa di costruzioni di cui Tanzi è stato azionista a salvare la squadra dal fallimento. E anche quando Tanzi decide negli anni ‘90 di investire nel turismo il ruolo dell’ ex Presidente del Consiglio non è secondario.

SIGFRIDO RANUCCI
Perché Tanzi decide di entrare nel turismo ad un certo punto?

OPERATORE FINANZIARIO
Ecco questa è una cosa che non è molto nota. Tanzi aveva intuito la possibilità di produrre il latte a lunga conservazione.

SIGFRIDO RANUCCI
E ad un certo punto lui per commercializzare questo tipo di latte aveva bisogno di una legge ad hoc?

OPERATORE FINANZIARIO
Aveva bisogno di una legge che in Italia non c’era.

SIGFRIDO RANUCCI
E a chi si rivolge?

OPERATORE FINANZIARIO
Si rivolge a De Mita.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
La legge che detta le regole per la commercializzazione del latte a lunga conservazione arriva nell’89. In calce la firma del Presidente del Consiglio: Ciriaco De Mita.

SIGFRIDO RANUCCI
E in cambio Tanzi cosa... ?

OPERATORE FINANZIARIO
Diciamo che De Mita si è sentito un po’ in credito di questa cosa. In un momento in cui un ottantina di agenzie di viaggi che erano sotto la sua, chiamiamola giurisdizione, o per motivi politici o per motivi di rapporti personali, ecc, rischiavano l’insolvenza, gli ha chiesto che il cavaliere intervenisse e acquistasse queste società.

SIGFRIDO RANUCCI
Cioè, quindi ha chiesto a Tanzi di comprare queste società del turismo.

OPERATORE FINANZIARIO
... di comprare queste società e salvarle dal dissesto.

SIGFRIDO RANUCCI
E’ costato caro questo passo a Tanzi?

OPERATORE FINANZIARIO
Eh molto, si, molto! Poi soprattutto lui non aveva nessuna preparazione, non aveva gli uomini adatti a gestirle.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Questa è la versione di un esponente del mondo finanziario, a suo tempo coinvolto nell’operazione. Ma Tanzi, di operazioni avventate, non solo su indicazione di De Mita, ne ha fatte tante, come ci dice uno dei suoi piu’ fedeli manager.

SIGFRIDO RANUCCI
A proposito di acquisizioni, voi avete acquistato però dei veri e propri...

EX MANAGER PARMALAT
... Catorci!

SIGFRIDO RANUCCI
... Catorci!

EX MANAGER PARMALAT
Sicuramente!

SIGFRIDO RANUCCI
Cioè per esempio, la Margherita Yogurt...

EX MANAGER PARMALAT
Si, fu un’acquisizione semi-politica... poi non ricordo se fu Cossiga, fu qualcun altro...

SIGFRIDO RANUCCI
Poi c’e’ la società Cipro Sicilia che c’aveva 150 miliardi di debiti.

EX MANAGER PARMALAT
Cipro Sicilia fu sicuramente uno di quegli investimenti che ci causarono perdite, debiti e uscite di soldi senza logiche.

SIGFRIDO RANUCCI
E’ vero che fu sponsorizzata da Mannino?

EX MANAGER PARMALAT
So che Tanzi era amicissimo con Mannino, che si dava del “tu” e lo conosceva benissimo. So anche che Mannino consigliò Tanzi di entrare nel business di arance della Sicilia dove Mannino aveva anche un certo ruolo.

SIGFRIDO RANUCCI
Poi ci sono stati degli acquisti in Costarica dove avete comprato uno stabilimento osceno...

EX MANAGER PARMALAT
E’ vero!

SIGFRIDO RANUCCI
E’ vero che fu consigliato da un consulente indicato dalla moglie di Dini?

EX MANAGER PARMALAT
Si, si, Ottone sicuramente consigliò, poi non so se dietro Ottone c’era la moglie di Dini e la moglie di Dini so che era amica di Tanzi. Ma è un po’ nello stile di Tanzi quello di fare dei favori pensando poi che questo favore in qualche modo ti ritorni.

SIGFRIDO RANUCCI
Invece poi... ?

EX MANAGER PARMALAT
Invece no... Tanzi ha sempre dato soldi a tutti, non ha mai ricevuto in cambio niente.

MILENA GABANELLI IN STUDIO
I politici nominati che emergono anche dagli interrogatori negano di aver fatto pressioni. Se poi Tanzi non ha mai ricevuto niente in cambio, dipende dai punti di vista e da quel che uno si aspetta. Intanto la partita non è chiusa. I processi più importanti devono ancora cominciare, da noi le pene sono miti, e spesso le leggi vengono adattate alle circostanze. Però sarebbe sicuramente un errore dipingere il gran lattaio di Parma come il burattino di un singolo uomo politico o dell’ex DC. Secondo quanto dichiarato ai magistrati per proteggere il suo gruppo, ottenere crediti dalle banche e condizionarne le nomine avrebbe finanziato politici sia a livello locale che nazionale fin dagli anni ‘60.

Stavamo parlando del finanziamento ai politici da parte di Tanzi, che nei verbali dichiara di aver dato soldi dagli anni ‘60 al 2003 alle seguenti persone: Forlani, Colombo, Pomicino, Fabbri, Signorile, Mannino, Fracanzani. Loro hanno negato comunque è roba vecchia e il reato sarebbe prescritto. Poi Speroni, Stefani, D’Alema, Dini, Fini, De Mita, Tabacci, Sansa, Scalfaro, Bersani, Lusetti, Gargani,che però hanno negato. Quindi Casini, Prodi, Bottiglione, Castagnetti, Segni, che ammettono di aver ricevuto finanziamenti sotto i 5 mila euro pertanto non è prevista nessuna dichiarazione.
La procura di Parma che ha aperto tanti filoni d’indagine questa vicenda l’ha invece archiviata perché pur essendo stata dimostrata l’uscita di denaro, i politici che hanno incassato hanno detto: “ Noi pensavamo che questi soldi provenissero dalle tasche di Tanzi e non sapevamo che invece arrivavano da fondi neri della Parmalat”. Dimostrare il contrario è più complicato anche perché la persona che avrebbe potuto parlare, come vedremo, era morta in un incidente stradale. Tanzi invece è stato rinviato a giudizio però sul finanziamento illecito. Da quel che emerge, tramontata la stella della democrazia cristiana, l’approccio di Tanzi diventa ecumenico. Nel ‘96 appoggia la campagna elettorale di Prodi e nel 2001 finanzia invece con un contributo di 430 milioni di lire regolarmente registrato Berlusconi... Leggendo i verbali però fa anche qualcosa in più.

DAGLI INTERROGATORI – CALISTO TANZI
“Quando è stata fondata Forza Italia, sono stato chiamato da Berlusconi e l’ho incontrato ad Arcore. Mi chiese se il mio gruppo poteva aiutarlo sia da un punto di vista finanziario che organizzativo. Insieme concordammo di utilizzare il canale della pubblicità per finanziare occultamente il nuovo partito. In sostanza trasferimmo quote di pubblicità Rai a Pubblitalia.”

EX MANAGER PARMALAT
Si tendeva a privilegiare magari Mediaset piuttosto che Rai in certi momenti.

SIGFRIDO RANUCCI
Quindi Pubblitalia, Dell’Utri, per capirci...

EX MANAGER PARMALAT
Si, Dell’Utri.

DAGLI INTERROGATORI – CALISTO TANZI
“L’accordo con Berlusconi prevedeva che le tariffe degli spot non godessero di particolari sconti.”

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Perché un’azienda come Parmalat avrebbe potuto godere di particolari sconti, quantificati da Tanzi in circa il 5%. Una quota che sarebbe servita per finanziare Forza Italia attraverso Pubblitalia. Su questo sta lavorando la procura di Milano. Dalle indagini emerge che lo spostamento degli spot verso le reti dell’ex Presidente del Consiglio si fa sempre piu’ consistente con l’avvicinarsi del crac. E anche che gli spot per Mediaset sono costati piu’ di quelli per la Rai. Ma se i soldi dei mancati sconti sono serviti poi a finanziare Forza Italia lo scoprirà la magistratura. Colui che stipulò gli accordi tra Parmalat e Pubblitalia è Genesio Fornari, avrebbe potuto confermare o meno la versione di Tanzi, ma è deceduto. E per catturare la benevolenza del potente di turno, Tanzi aveva partecipato nel ‘96 all’aumento di capitale di Nomisma, il centro studi fondato Prodi.

EX MANAGER PARMALAT
Fu sicuramente uno di quei tanti contributi, soldi buttati via, per ricevere poi un potenziale ringraziamento che un domani... io son convinto che tutti i soldi che Tanzi ha dato ai giornali, alle televisioni, ai politici, siano stai tutti per il 99% soldi buttati.

SIGFRIDO RANUCCI
Chi ha finanziato Tanzi?

EX MANAGER PARMALAT
Li ha finanziati tutti! Cioe’, io ricordo che mi stupii quando mi disse: “Eh ma sai adesso dobbiamo dare dei soldi al Manifesto... ” - “Ma scusi, anche al Manifesto diamo i soldi?” Si guarda che li diamo a tutti i soldi, dall’estrema sinistra a all’estrema destra, tutti”.

SIGFRIDO RANUCCI
Al Foglio pure?

EX MANAGER PARMALAT
Si, tutti. Tu li metti insieme tutti, li ha dati a tutti.

DAGLI INTERROGATORI – CALISTO TANZI
“Geronzi mi chiese di entrare nella compagine sociale del “Foglio”, io gli dissi che non ero interessato ad entrare nel giornale e allora concordai con lui un finanziamento che io stesso erogai “brevi manu” a Giuliano Ferrara nel corso di un incontro avvenuto a Roma proprio nell’ufficio di Geronzi. La somma doveva aggirarsi fra i 500 milioni ed il miliardo di lire”.

VITO ZINCANI – PROCURATORE GENERALE BOLOGNA
Io ho chiesto a Giuliano Ferrara di deporre, ma Giuliano Ferrara non ha ritenuto di rendere una deposizione.

LUCA CHIANCA
Lei avrebbe preso dai 500 milioni ad un miliardo di vecchie lire per...

GIULIANO FERRARA- DIRETTORE “IL FOGLIO”
Dai 500 milioni ad 1 miliardo... io?

LUCA CHIANCA
Secondo le dichiarazioni di Tanzi è a verbale...

GIULIANO FERRARA- DIRETTORE “IL FOGLIO”
Per un finanziamento del mio giornale, “Il Foglio”, si... ? No, non è vero!

LUCA CHIANCA
Lei non è andato mai a chiarire nessun aspetto... ?

GIULIANO FERRARA- DIRETTORE “IL FOGLIO”
No, non sono mai andato a chiarire nessun aspetto e non ho nessuna intenzione di chiarirlo.

LUCA CHIANCA
Ancora? Neanche dopo le dichiarazioni uscite sui giornali?

GIULIANO FERRARA- DIRETTORE “IL FOGLIO”
No, assolutamente, anzi devo dire che la ritengo una cosa talmente grave che non ho mai fatto nessuna dichiarazione, me ne sono fottuto allegramente! Sono della casta io, sa?

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Se il finanziamento del Manifesto è stato appurato che è stato lecito, visto che fu la società Europa Service di Tanzi ad acquistare azioni della testata per 250 milioni di lire, per quello del Foglio c’è la parola di Tanzi contro quella di Ferrara.

SIGFRIDO RANUCCI
Perché pagava i giornali?

EX MANAGER PARMALAT
Fondamentalmente per tutelarsi un domani c’è bisogno, io dò i soldi al Manifesto e il Manifesto forse non mi scriverà male! Così pure li dò a Repubblica, li dò al Corriere, faccio le campagne pubblicitarie con uno, con l’altro in modo tale che...

VITO ZINCANI – PROCURATORE GENERALE BOLOGNA
La ragione per cui questa attività di lobbing va tenuta riservata, è legata alla ragione di evitare di inimicarsi coloro che non vengono, per così dire, finanziati ed allora preferiva finanziare tutti, ognuno all’insaputa dell’altro.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
E per finanziare tutti, ognuno all’insaputa dell’altro, Tanzi aveva creato una vera struttura che agiva all’interno della Parmalat.

EX MANAGER PARMALAT
Pietro Tanzi lavorava al 99,9% per la segreteria, poi succedeva che una volta ogni tre mesi doveva preparare una bustarella da dare a “X”, la prendeva e la dava. Gorrieri pure lavorava al 99% Parmalat e Banca del Monte, poi c’era da dare una bustarella all’assessore, al politico, non so a chi... la dava! L’unica persona che si occupava di rapporti con i politici a tempo pieno era il Piccini, quello si. Di soldi ne uscivano tanti in contanti eh!

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Già, ne uscivano tanti, ma i magistrati sono riusciti a trovarne solo alcuni di quelli usati per finanziare i politici. Oltre 12 milioni e mezzo di euro, usciti fondi usciti destinati all’acquisto di valori bollati, da conti a San Marino e da quelli coperti dalla voce sponsorizzazione. Ma oltre a questi sono finiti in mani sconosciute 1 miliardo e 100 milioni di euro transitati attraverso la finanziaria uruguaiana Wishaw Trading.

VITO ZINCANI – PROCURATORE GENERALE BOLOGNA
Da un lato vi è la prova documentale delle uscite del denaro dalle casse della Parmalat. Dall’altra però non è stato possibile ricostruire tutti i passaggi fino ai percettori finali. Per una ragione che risulta dal provvedimento da me redatto: che la Parmalat si è servita di un ufficiale pagatore che è deceduto.

SIGFRIDO RANUCCI
E stiamo parlando di Piccini? Sergio Piccini?

VITO ZINCANI – PROCURATORE GENERALE BOLOGNA
Piccini.

SIGFRIDO RANUCCI
Lui si è portato appresso diversi segreti secondo Lei?

VITO ZINCANI – PROCURATORE GENERALE BOLOGNA
Certamente si.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Sergio Piccini dirigente della Parmatour muore nel 2000 in un incidente stradale. E Tanzi lo sostituisce con un concessionario di automobili, Romano Bernardoni e lo indica come nuovo ufficiale pagatore. Il nome di Bernardoni spunta anche nella vicenda del fresco blu.

SPOT FRESCO BLU

MILENA GABANELLI IN STUDIO
Alla fine del 2001 la Parmalat inonda l’Italia con una raffica di spot sul latte microfiltrato, una tecnica di produzione, un procedimento di lavorazione che all’epoca possiede soltanto lei in uno stabilimento tedesco. Il latte essendo microfiltrato e pastorizzato porta la data di scadenza a 8 giorni, ma la parola “fresco” scatena la protesta degli altri produttori di latte che invece devono scrivere una data di scadenza a 4 giorni. Sta di fatto che la vendita viene bloccata e l’ispettorato antifrode del Ministero multa la Parmalat. Bisognerebbe cambiare la normativa sul latte fresco e adeguarla a quella europea, ma Tanzi preferisce la via all’italiana e incarica Romano Bernardoni di agganciare Alemanno.

GIOVANNI ALEMANNO- EX MINISTRO POLITICHE AGRICOLE
Devo fare una premessa, io da questa vicenda sono stato prosciolto con una sentenza di 9 mesi fa.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Alemanno, al quale va riconosciuto il merito di aver rinunciato all’immunità parlamentare, e’ stato assolto dall’accusa di corruzione. Era stato contattato da Bernardoni al fine di togliere il veto che aveva posto il ministero alla commercializzazione del latte fresco blu.

GIOVANNI ALEMANNO- EX MINISTRO POLITICHE AGRICOLE
Bernardoni mi disse che conosceva Tanzi e che riteneva che fosse possibile fare un confronto, un incontro, per risolvere questa controversia.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Il 28 dicembre del 2002 il Ministro dell’Agricoltura parte con moglie e figlio per una vacanza a Dongwe, paradiso terrestre nell’isola di Zanzibar, in un villaggio della Parmatour. Torna senza pagare il conto piuttosto salato di 14 mila e 253 euro.

GIOVANNI ALEMANNO- EX MINISTRO POLITICHE AGRICOLE
Si, andai in un villaggio che credo appartenesse a questo. Quando finì la vacanza chiesi di pagare normalmente il conto, mi dissero là a Zanzibar che era meglio che pagavo a Roma. Quando sono arrivato a Roma ho detto alla mia segreteria di pagare e poi il viaggio è stato pagato.

SIGFRIDO RANUCCI
E’ stato pagato da Tanzi o è stato pagato da Lei?

GIOVANNI ALEMANNO- EX MINISTRO POLITICHE AGRICOLE
E’ stato pagato da noi. E’ stato sistemato.

SIGFRIDO RANUCCI
Successivamente al crac o... ?

GIOVANNI ALEMANNO- EX MINISTRO POLITICHE AGRICOLE
Adesso non so i tempi esatti però questo è stato pagato dalla mia segreteria e cioè, non so francamente questa storia... perché il polverone, cioè la fattura è a posto per cui... boh!

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Per dovere di cronaca la vacanza a Zanzibar al momento del crac non era ancora stata pagata. Ma proprio nel giorno della partenza avviene una coincidenza.

SIGFRIDO RANUCCI
Sembra che quel giorno, il 28 Dicembre del 2002, in coincidenza la Commissione Interministeriale ha dato il via libera alla vicenda “Latte Fresco Blu”.

GIOVANNI ALEMANNO- EX MINISTRO POLITICHE AGRICOLE
Non credo ci sia nessuna coincidenza.

SIGFRIDO RANUCCI
Solo temporale dice?

GIOVANNI ALEMANNO- EX MINISTRO POLITICHE AGRICOLE
Non c’è nessuna cosa ma, voglio dire... pensare che ci siano connessioni fra un viaggio in un’isola e cose di questo genere è un po’ insomma puerile.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
La coincidenza è stata sottolineata dagli investigatori della guardia di Finanza, che ne rilevano anche un’altra...

SIGFRIDO RANUCCI
Senta poi anche la sua segretaria Lippiello è partita in vacanza alle Seychelles in un villaggio della Parmatour, questo me lo conferma?

GIOVANNI ALEMANNO- EX MINISTRO POLITICHE AGRICOLE
Forse lo dovete chiedere a lei.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
E anche lei si è dimenticata di saldare il conto, oltre 3.900 euro. Ma i Tanzi felici per il buon esito della controversia Fresco Blu, finanziano attraverso la Bonatti la rivista Area del Ministro Alemanno, con un contratto pubblicitario di 85 mila euro.

GIOVANNI ALEMANNO- EX MINISTRO POLITICHE AGRICOLE
Bernardoni dopo un po’ di tempo mi propose questa società Bonatti ed io gli chiesi se per caso questa società Bonatti aveva a che fare con Parmalat e con Tanzi, lui mi assicurò che non ha nulla a che fare, che l’interesse era genuino, non c’era niente così dietro e purtroppo soltanto dopo l’arresto di Tanzi, dopo le dichiarazioni contro di me, scoprimmo che invece Tanzi aveva il 38% di quella società.

EX MANAGER PARMALAT
Su questi giri di Bernardoni non c’ho mai visto chiaro, non ho mai capito bene chi fosse sto Bernardoni.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Eccolo Romano Bernardoni, secondo i magistrati a lui venivano affidati i soldi riservati ai politici da finanziare occultamente secondo il meccanismo delle sponsorizzazioni. Ha affermato di aver finanziato in proprio Casini e Berselli nonché Forza Italia. Tanzi gli affida compiti di crescente importanza fino a diventare amministratore dell’intero gruppo delle società del turismo. Uomo dalle amicizie molto importanti tra i politici e alti ufficiali della Guardia di Finanza, tali, secondo Tanzi, da sapere in anticipo delle verifiche fiscali. Lo incrociamo a Riccione al timone del suo Canaione.

SIGFRIDO RANUCCI
Signor Romano...

ROMANO BERNARDONI
Arrivo!

SIGFRIDO RANUCCI
E’ vero che Lei sapeva in anticipo se c’erano le verifiche fiscali? Questo è vero?

ROMANO BERNARDONI
No, ma che dici? Ma che scherziamo?

SIGFRIDO RANUCCI
La sua amicizia con Pollari le è servita a questa cosa qui o no?

ROMANO BERNARDONI
No, Pollari lo conosco da 40 anni. Pollari è stato a Bologna da maggiore nel ’77.

SIGFRIDO RANUCCI
Lei è sicuro che non ha mai pagato i politici? Mai, mai, mai, mai? Neanche per i canali istituzionali?

ROMANO BERNARDONI
Istituzionali si... Seguendo la legge, la legge ci dice: devi versare, dichiarare. Lei non può dire “domani mattina ti dò 10 mila euro”. Devi prima chiedere l’autorizzazione, si fa l’autorizzazione e basta.

SIGFRIDO RANUCCI
Comunque Lei quando ha pagato ha pagato perché Tanzi l’ha ordinato? Di sua spontanea volontà?

ROMANO BERNARDONI
Ho già spiegato com’è la storia, però dopo... quando è finito tutto. Le dò la mia parola!

SIGFRIDO RANUCCI
Mi dice come sono andate le cose?

ROMANO BERNARDONI
Le cose sono quello che risulta e quello che è successo.

SIGFRIDO RANUCCI
Senta, Lei è un amministratore anche, un imprenditore, come ha fatto Tanzi a fare un buco così grande sul turismo?

ROMANO BERNARDONI
No, ma quello era perché c’era... il sistema non... tutte le aziende del turismo sono fallite. Non c’è marginalità.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Non c’era marginalità anche perché in quei villaggi per anni sono andati gratis, politici, giornalisti, funzionari di banca e magistrati...

SIGFRIDO RANUCCI
Ma lui ha pagato delle aziende e dei villaggi 30, 40 volte più del loro valore.

ROMANO BERNARDONI
Ma sa, lì... capire il perché l’ha fatto è un altro discorso. Però, siamo in vacanza!

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Romano Bernardoni è stato assolto dall’accusa di corruzione per la vicenda del Fresco blu, ma a Parma dove ha rinunciato al patteggiamento, è stato rinviato a giudizio, con Tanzi, per finanziamento illecito ai partiti.

VITO ZINCANI – PROCURATORE GENERALE BOLOGNA
Quello che ha stupito di più gli osservatori internazionali è che una grande multinazionale come la Parmalat, avesse un management che non era mai cambiato negli ultimi 20 anni e che pur essendo una multinazionale presente nei 5 continenti, i manager fossero tutti nati a Parma, Collecchio, Sala Baganza e così via, di origine ed estrazione provinciale. Ecco, forse questo è un segnale importante perché un management così ristretto, mai cambiato e di origine quasi familistica, vuol dire che ci sono segreti, segreti che non si devono comunicare a terzi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO
Di segreti il management della Parmalat ne aveva tanti ad un certo punto oltre ai segreti si sono aggiunti i falsi. I falsi però bisogna vestirli di abiti credibili.
A custodire tutto ciò l’avvocato Gian Paolo Zini, a New York. Era lui il punto di riferimento di tutte le grandi operazioni internazionali della Parmalat. Una specie di prestigiatore che aveva creato una rete di scatole cinesi off shore con sede ai Caraibi, alle Cayman e nel Delaware . Questa rete serviva, e’ servita per anni a nascondere debiti che se scoperti avrebbero decretato la fine del gruppo di Collecchio. Grazie alla sua architettura societaria aveva creato, proprio a New York, la facciata dorata del gruppo Parmalat.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
L’ Avvocato Zini, proprio per stare in contatto con i piu’ grandi banchieri internazionali della Chase Manatthan, della Citigroup, e soprattutto di Bank of America, aveva aperto questo studio a New York in Park Avenue. Riusciamo a rintracciare uno dei collaboratori di Zini.

EX COLLABORATORE DI ZINI
Zini è un pupazzino... un pupazzo. Non era un... Lui prendeva ordini.

SIGFRIDO RANUCCI
Ma da chi?

EX COLLABORATORE DI ZINI
Da Tonna, da Geronzi.

SIGFRIDO RANUCCI
Geronzi?

EX COLLABORATORE DI ZINI
Si, si.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Nei giorni del crac in questi uffici durante la notte vengono distrutte migliaia di pagine di documenti che si sospetta riguardassero gli accordi con le grandi banche americane.

EX COLLABORATORE DI ZINI
Il caso Parmalat era seguito solo da Zini. Nessuno sapeva nulla di nulla.

MARIANNA DE MARZI
Beh, ma in quei giorni c’eravate tutti lì, quei giorni in cui sono stati distrutti i documenti.

EX COLLABORATORE DI ZINI
Si, no, eran già spariti tanti.

SIGFRIDO RANUCCI
E che tipo di documenti sono stati distrutti da lui, lo sai te?

EX COLLABORATORE DI ZINI
Ho visto portare giù dei sacchetti neri... dei sacchetti neri.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Zini aveva trasferito la sua residenza nella 72 esima strada in questo splendido residence, da dove poteva godere di un paesaggio straordinario, custodito da due agguerriti portieri in livrea...

PORTIERE CASA ZINI
Non ho mai sentito questo nome.

PORTIERE CASA ZINI 2
Noi non siamo autorizzati a darle queste informazioni.

PORTIERE CASA ZINI
Vuoi entrare dentro... chiedile a lui queste informazioni.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Con molta fatica riusciamo poi a sapere che Zini ha lasciato il suo appartamento oltre due anni fa. Ed è proprio a Zini che si deve la creazione del fondo Epicurum un nome che poteva anche evocare i piaceri della vita, in realtà era una discarica finanziaria dove le perdite generate dal settore Turismo con un gioco di prestigio venivano trasformati in crediti per la Parmalat.

EX MANAGER PARMALAT
Tanzi decide di dare un sacco dei soldi al turismo. Si parla di una cifra intorno ai 400 milioni di euro. Questi soldi dati al turismo nel bilancio Parmalat rimangono alla fine come crediti e vengono conferiti in un fondo, questa operazione viene proprio studiata da Tonna e realizzata tecnicamente dallo Zini. Quindi è un’operazione completamente falsa che serve per ingannare il mercato, era finta perché sapevamo benissimo che il turismo non aveva un euro da dare indietro.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Per poter accedere ai finanziamenti si faceva vedere che la Parmalat godeva di ottima salute aumentando il fatturato, ma con le fatture false però.

EX MANAGER PARMALAT
Ad un certo punto Parmalat vende talmente tanto latte a Cuba da impressionare il mondo. E questo latte viene venduto con dei contratti che in realtà sono finti, falsi. Tonna ne prende uno vero, cambia nomi, cognomi, cifre, importi, tutto e Bocchi lo riscrive... falso! Poi Tonna firma dalla parte venditrice e dalla parte acquirente. C’è una quantità talmente esagerata che un giorno entrano da me i revisori e mi dicono: “C’è qualcosa che non va!” Sono andati su internet a cercare i consumi di latte a Cuba e hanno trovato delle cifre, in tutta Cuba, dieci volte piu’ piccole. Noi su questo argomento chiediamo chiarimenti a Tanzi. Vado da Tanzi e dico: “Guardi, senta, ci sono i revisori che vogliono spiegazioni sulle vendite di latte a Cuba e Tanzi dice: “E io cosa gli dico?” “Ah, questo non lo so, si inventi una balla Lei... ” e Tanzi in realtà fa sembrare Cuba... si la vendita è a Cuba, però in realtà Cuba poi a sua volta esporterà questo latte in Sud America perché ci sono delle joint-venture... cioè racconta una storia bellissima che tra l’altro ha incuriosito anche me e i revisori... di fronte a tutte queste balle alla fine hanno detto “Ah, bene!”

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
E le fatture anche se false però devono in qualche modo essere incassate, e come si fa?

EX MANAGER PARMALAT
Tonna dice: “l’azienda perde”. Per coprire le perdite fattura, s’inventa, un fatturato. Questo fatturato diventa un credito, il credito deve essere incassato dove metto tutti i soldi, tutto finto eh! Decidiamo di metterli su un conto corrente finto. Allora Tonna dice a Bocchi: “Vedi tu se sei capace di farlo. Lo facciamo con la Bank of America” e Bocchi si mette a fare il falsario. Scannerizza il logo della banca, cioè riesce a fare un modello sufficientemente realistico.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Nasce così il piu’ clamoroso falso di Collecchio. Il conto corrente della società Bonlat con sede alle Cayman, presso la Bank of America di New York dove figurano circa 3,9 miliardi di euro inesistenti. Nonostante questo Bank of America e le altre banche hanno continuato a prestare centinaia di milioni di euro. Nessuno si chiedeva il perché, pur dichiarando quasi 4 miliardi in contanti Parmalat continuava a chiedere soldi alle banche pagando tassi salatissimi. Neppure i revisori se lo son chiesto. La risposta di Tonna ai magistrati è semplice. Furono proprio Lorenzo Penca e Maurizio Bianchi, presidente e partner della società di revisione Grant Thornton a suggerire la costituzione della Bonlat già nel 1999.

7/03/2006 - TRIBUNALE DI MILANO: DICHIARAZIONE DI CALISTO TANZI
“Parmalat non ha infatti mai avuto reali problemi di accesso al credito. Erano gli istituti di credito stessi e le banche d’affari quasi ad inseguirla, ad assicurare al gruppo tutto il denaro che occorreva, malgrado i bilanci non fossero il massimo della trasparenza e malgrado si facesse ricorso continuo al credito, pur affermando di possedere liquidità consistente.”

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
All’esplodere del crac, quando si diffonde la notizia che i bilanci della Parmalat sono falsi, le banche si dichiarano vittime della truffa, frodate come gli altri creditori.

27/01/2004 - SENATO: AUDIZIONE DI ANTONIO FAZIO

ANTONIO FAZIO
Le banche io non so, sono state indotte in grave errore, ma qui moltissimi sono stati indotti in gravi errori, anche la Deutsche Bank insomma, io vedo qui, insomma, qui c’è un caso molto grave... insomma io non so se voi lo sapevate... se voi lo sapevate, forse avreste dovuto dirlo... io non lo sapevo... insomma anche se cominciavano ad arrivare dubbi ma mi dicono... anzi, Lei mi pare che avesse capito... Avevi capito la difficoltà della Parmalat tu o no? Non posso interrogare, non possiamo interrogare?

INTERROGATORE
Governatore, Lei risponda alle domande a cui vuole rispondere ma non facciamo dialogo, per piacere.

ANTONIO FAZIO
No, va bene... (ride). Qui c’è, vedo la Deutsche Bank, scusate...

INTERROGATORE
... Per piacere!

ANTONIO FAZIO
La Morgan Stanley, L’Ubs, L’Unicredito che ha collocato, la Morgan Stanley, la Morgan Stanley, L’ Akros, questa è italiana, la Credit Suisse Boston, vado avanti... e qui evidentemente non erano solo le banche italiane che non hanno capito è tutto un sistema bancario. Mi sembra che purtroppo, ahimè, così come non avevamo capito, nessuno di noi, se qualcuno afferma di sapere se sapesse da tempo, mi domando, qualcuno che afferma che sapeva da tempo di questo perché non ha fatto riferimento ai giudici o alla Consob.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
L’ex Governatore della Banca d’Italia forse non sapeva che qualcuno in realtà c’aveva provato. A Parma lo conoscono tutti, il ragioniere Valla. Nel ‘95, a seguito di un’interrogazione parlamentare nella quale si chiede di fare chiarezza sui prestiti concessi a Tanzi dalla Cassa di Risparmio di Parma per 650 miliardi e quella del Monte per 90 miliardi di lire, la procura apre un’inchiesta e incarica lo studio Valla di dare un’occhiata ai conti. Analizza i bilanci degli anni ‘93, ‘94, ‘95, di circa 180 società di Tanzi: l’indebitamento è elevatissimo. La Parmalat, insomma, vive sul finanziamento di banche compiacenti... anche quando alcuni funzionari indicavano cautela.

MARIO VALLA - RAGIONIERE
Pur indicando cautela, i finanziamenti passavano lo stesso.

SIGFRIDO RANUCCI
Si eh? E nel ruolo di Gorreri e Silingardi è stato importante far passare questi finanziamenti?

MARIO VALLA - RAGIONIERE
Beh, sicuramente è importante, sicuramente la Parmalat ha avuto un canale privilegiato, avendo queste due persone a capo... a capo... non all’interno, a capo! A capo dei due istituti.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
E’ lo stesso Tanzi, come dichiara ai magistrati, a chiedere a Goria e De Mita di porre a capo della cassa di risparmio di Parma Luciano Silingardi, ex sindaco della Parmalat SpA. Così come Tanzi interviene sulla nomina di Gorreri a Capo della Banca del Monte dopo aver parlato con Craxi.

MARIO VALLA - RAGIONIERE
Quando c’erano da finanziare, discutere dei finanziamenti della Parmalat, il presidente Gorreri che era un dipendente della Parmalat, si assentava 5 minuti. Non so, si assentava alle 16;45, rientrava alle 16;50.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Finanziamenti di miliardi di lire come si legge dai verbali delle banche concessi in appena 5 minuti. E per far piu’ in fretta si ricorreva a qualsiasi mezzo.

MARIO VALLA - RAGIONIERE
Potrebbe anche essere che in banca avessero già dei moduli di richiesta fido già firmati da Tanzi, ecco.

SIGFRIDO RANUCCI
In bianco?

MARIO VALLA - RAGIONIERE
In bianco, potrebbe essere anche questo. Cioè, adesso... tutto potrebbe essere.

SIGFRIDO RANUCCI
Ma Lei di questo ha trovato traccia documentale o... ?

MARIO VALLA - RAGIONIERE
Cosa abbiam trovato noi, dei moduli in bianco firmati, eh?

COLLABORATRICE VALLA
Qualche modulo in bianco firmato, si.

MARIO VALLA - RAGIONIERE
Firmato, senza data, con l’importo?

COLLABORATRICE VALLA
Senza data, si, in bianco.

SIGFRIDO RANUCCI
Firmati da Tanzi?

MARIO VALLA - RAGIONIERE
Firmati da Tanzi, si. Si, Magari con l’importo, ecco...

SIGFRIDO RANUCCI
Si trattava di importi importanti?

MARIO VALLA - RAGIONIERE
Importi importanti, certo.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Se di tutto questo si era accorto un semplice ragioniere di provincia, perché non l’ha fatto la Banca d’Italia che con la sua Centrale Rischi, poteva monitorare i debiti che Tanzi aveva con tutte le banche italiane e le filiali delle banche estere presenti nel nostro paese?

MARIO VALLA - RAGIONIERE
Basta guardare i bilanci. Cioè io con i miei pochi mezzi, ho guardato questo. La Centrale del Rischio della Banca D’Italia, volendo poteva benissimo guardarci, ma molto meglio di me, insomma ecco.

SIGFRIDO RANUCCI
E perché non l’ha fatto secondo Lei?

MARIO VALLA - RAGIONIERE
Ecco, questo qua non lo so io.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Analizzando quei soli dati di cui era in possesso, il ragionier Valla aveva scritto nella sua perizia che la Parmalat non poteva andare avanti per molto, era il 1997.

MARIO VALLA - RAGIONIERE
Fare dei debiti maggiori per coprire dei debiti minori, aumenti sempre i debiti. Ad un certo momento si arriva ad un capolinea.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
In effetti a Parma, che è un buco di provincia tutti già sapevano, se ne parlava alla fermata degli autobus, nei bar, nei salotti buoni... ce ne parlano anche in taxi.

LUCA CHIANCA
Cioè, s’è sempre saputo che non andava bene?

TASSISTA
Sono 30 anni, era quella tipica ditta che si diceva “casca sempre in piedi” perché aveva le spalle coperte. C’era la DC, c’era il Partito Socialista, c’era il Vaticano, c’erano anche le banche dietro. Io vado a chiedere 10 mila euro in banca, mi rovesciano come un calzetto e poi non è detto che me li danno.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Ma poi a chi importava veramente, se non c’era evento che non fosse sponsorizzato dalla Parmalat, e se finalmente il patron Tanzi era riuscito in quello che sembrava un sogno: portare il Parma in serie A. Una ubriacatura, un passo dallo scudetto, le coppe europee, i grandi giocatori.

DA UNA TELECRONACA BRUNO PIZZUL
“La finta ed il tiro... ed il goal strepitoso”

SIGFRIDO RANUCCI
Lei questa perizia la dà al magistrato?

MARIO VALLA - RAGIONIERE
Io l’ho consegnata alla Procura quando ho finito.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
E il gip di Parma, Adriano Padula, archivia perizia e inchiesta sui prestiti delle banche a Tanzi. Ma dopo emerge un problema.

ANONIMO
Padula viaggiava gratis!

SIGFRIDO RANUCCI
A spese di... ?

ANONIMO
A spese di Tanzi!

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Padula in quegli anni aveva anche assolto nel ’98 Tanzi e Tonna dall’accusa di false comunicazioni sociali. Ma un’ispezione del Ministro della Giustizia Roberto Castelli, nel 2005 appura che il giudice in passato ha fatto pressioni presso la Parmalat per poter avere con la moglie sconti per i soggiorni nei villaggi e nelle suite del gruppo Parmatour. E dopo esser stato trattato da vip, in qualche occasione, il magistrato ha addirittura dimenticato di pagare il conto... oltre 12 mila euro che viene saldato solo a distanza di due anni dal crac e con l’ispezione del ministero in corso. Padula viene sanzionato dal CSM.

MILENA GABANELLI IN STUDIO
Bellezze e guai della piccola provincia, dove tutti si conoscono e tutti si frequentano.
Poi quando salta fuori il buco si scoprono anche i rapporti troppo stretti fra il procuratore capo Panebianco e qualche sostituto con il gruppo Parmalat e le banche amiche di Tanzi.
Quindi è facile capire perché per anni nessuno ha approfondito. Da una parte la procura amica, (Panebianco ha lasciato e 2 magistrati sono stati trasferiti dal CSM), dall’altra la lunga lista di politici, che all’occorrenza la parola buona la mettevano. E poi le banche, più prestiti fanno più interessi e commissioni incassano. Quelle stesse banche che hanno emesso bond fino all’ultimo e che hanno sempre detto di essere all’oscuro di come andavano realmente le cose, il commissario Bondi ha fatto causa e se dovesse vincerla dovranno tirare fuori un bel po’ di soldi. Nel frattempo però... budella d’oro.

GIUSEPPE ODDO - “IL SOLE 24 ORE”
Per esempio Deutsche Bank tra proventi, recuperi, conseguiti al momento del default e recuperi in seguito alle operazioni di concordato speciale, ha incassato 217 milioni di euro contro un credito originario di 154 milioni di euro e quindi il recupero complessivo è stato nell’ordine del 140% del credito originario.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Unicredito aveva un credito da 171 milioni di euro, ha incassato 212 milioni, il 124% in piu’. Capitalia 123% in piu’, questo secondo dati diffusi dal commissario Bondi.

SIGFRIDO RANUCCI
Cioè una grande abbuffata è stata per le banche?

GIUSEPPE ODDO - “IL SOLE 24 ORE”
Sostanzialmente si, a giudizio di Bondi.

7/03/2006 - TRIBUNALE DI MILANO: DICHIARAZIONE DI CALISTO TANZI
“Parmalat, come pure gli altri dirigenti o amministratori, hanno vissuto un rapporto drogato con gran parte degli istituti di credito con cui si è operato”.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
A partire dal 1996 le banche internazionali hanno emesso obbligazioni per 10 miliardi di euro sulle quali hanno incassato commissioni favolose. E qualcuna anche qualcosa di piu’ delle commissioni, per esempio l’ Ubs quando sottoscrive un bond di 420 milioni di dollari.

GIUSEPPE ODDO - “IL SOLE 24 ORE”
Un esempio per tutti potrebbe essere quello del famoso Bond Tot, che fu sottoscritto dall’Ubs, un Bond di 420 milioni di dollari ma alla Parmalat andarono soltanto 110 milioni di dollari. Il resto fu utilizzato dalla Parmalat per sottoscrivere un altro Bond che era stato emesso dal banco Totta delle isole Cayman, il cui capitale in caso di default della Parmalat, non sarebbe stato incassato dalla Parmalat ma poi come effettivamente avvenne, fu incassato dall’Ubs.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Il risultato è che formalmente la Parmalat incassa 420 milioni di dollari, in realtà nelle sue casse ne finiscono solo 110. La differenza, ben 290 milioni, sono finiti nelle tasche della banca svizzera come assicurazione contro l’insolvenza del gruppo di Collecchio. Tanzi in sostanza è come se avesse scommesso e perso sul rischio del suo fallimento. Ma aveva bisogno disperato di soldi per continuare la sua politica frenetica di acquisizioni.

EX MANAGER PARMALAT
La maggior parte delle nostre acquisizioni furono fatte di fretta per coprire delle perdite, mascherare dei bilanci, di far vedere che l’azienda cresceva perché piu’ cresce piu’ ti danno dei soldi e le banche erano sempre lì dietro a te: “Compra, compra, ti do i soldi, ti do i soldi!”... e si comprava anche per fare un favore alle banche.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
E le banche ricambiano il favore. La Citigroup, come si legge in questo prospetto, ha rassicurato i propri clienti invitandoli a comprare azioni della parmalat fino all’8 dicembre del 2003, cioè a pochi giorni dal crac... .Ma soprattutto le banche internazionali hanno messo in piedi società con sede nei paradisi fiscali attraverso le quali, all’oscuro del mercato, finanziano la Parmalat. L’obiettivo è di dar l’idea di una società solida nella quale puoi investire serenamente. Una di queste si chiama Buconero. Ha la sede in uno stato dalle maglie larghe, il Delaware, ed è riconducibile alla Citibank.

VITTORIO MALAGUTTI - AUTORE DI “BUCONERO SPA”
E’ servita per convogliare oltre 100 miliardi di lire sottoforma di contratto di associazione di partecipazione verso il gruppo Parmalat. In sostanza in questo modo la Parmalat riusciva a finanziarsi senza far comparire quei soldi come debito.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
La Buconero, pur evocando l’imminente crac, era servita a nascondere agli occhi del mercato i finanziamenti ricevuti. Così come Bank of America, in occasione di un finanziamento al gruppo di Tanzi nel ‘99 crea un veicolo societario che permette alla Parmalat di portare l’investimento fuori bilancio. E cioè Bank of America crea la Food Holding che con la Parmalat SpA si serve di un ente caritatevole con sede nelle Cayman, si avete capito bene, un ente caritatevole, per raccogliere 300 milioni di dollari sul mercato degli obbligazionisti e finanziare la Parmalat Brasile che tecnicamente era già fallita. Le firme in calce al documento sono di Gregory Johnson responsabile security Bank of America e Fausto Tonna.

EX MANAGER PARMALAT
Tutte in generale si muovevano così, italiane ed estere, e c’era la gara a darci i soldi.

SIGFRIDO RANUCCI
Paradossale!

EX MANAGER PARMALAT
E’ paradossale perché una società che è quasi in bancarotta, o comunque alla frutta, ha costantemente le banche lì che la vogliono finanziare.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Che la Parmalat fosse una gallina dalle uova d’oro le banche lo sapevano bene. Negli appunti di Luca Sala, manager di Bank of America, scritti nell’agenda del ‘93, si evidenzia che la società di revisione non è indipendente, che il gruppo di Collecchio ha bisogno di finanziamenti, ma soprattutto che è una macchina per far soldi! Sapevano già tutto nel ‘93.

SIGFRIDO RANUCCI
Chi è quello che chiedeva di piu’ di comprare?

EX MANAGER PARMALAT
Beh, Geronzi è stato uno di quelli che sicuramente ha chiesto. Tanzi aveva un rapporto, secondo me, di sudditanza nei confronti di Geronzi. Lo ammirava e lo temeva. Pensava che Geronzi fosse una persona... importante lo era, ma che ad un certo punto lo avrebbe anche aiutato. Tonna invece pensava che Geronzi non ci avrebbe mai aiutato nel momento del bisogno. Purtroppo aveva ragione Tonna.

MILENA GABANELLI IN STUDIO
“Il momento del bisogno” a volte può coincidere col bisogno di qualcun altro. Parmalat era inserita in un sistema che si autoalimentava e si autoproteggeva, almeno fino a quando qualcuno si mette di traverso. Nel 2002 Tanzi ha bisogno di 50 milioni di euro per le casse del turismo e li chiede all’ amico di sempre, Geronzi, ovvero Banca di Roma di cui Tanzi è consigliere di amministrazione. Chi deve erogare il prestito è la sua controllata: l’istituto Medio Credito Centrale. Amministratore delegato: Matteo Arpe che però si oppone, perché Parmatour è decotta, ma il prestito viene erogato ugualmente, sotto la regia di Cesare Geronzi ma non alla Parmatour, alla Parmalat, solo che questo prestito nello stesso giorno transita dal conto Parmalat al conto Parmatour. Contestualmente avviene un’altra operazione: cioè Tanzi mentre chiede il prestito compra una società piena di debiti. Secondo i magistrati sarebbe stata un’imposizione di Geronzi. Ovvero io i 50 milioni te li dò, ma tu mi liberi da un bidone.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Tanzi avrebbe dovuto comprare a Messina l’azienda di acqua minerali Ciappazzi, un marchio storico per la Sicilia, finito in mano all’imprenditore romano Giuseppe Ciarrapico, re delle acque minerali e delle cliniche romane. Un re senza vestiti però, le cui casse erano disastrate. E molti debiti erano proprio con la Banca di Geronzi.

EX MANAGER PARMALAT
Ciarrapico, che era il proprietario della Ciappazzi, doveva vendere questo asset che in realtà non valeva niente, erano soldi che Ciarrapico non era in grado di restituire alla banca, quindi la banca ci obbligò a comprare Ciappazzi. Noi demmo i soldi a Ciarrapico e Ciarrapico di ritorno alla banca. L’acquisto della Ciappazzi fu sicuramente fatto per fare un favore a Geronzi.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Gli operai della Ciappazzi, appena saputo dell’acquisto da parte di una grande multinazionale come la Parmalat, brindano.

OPERAIO 1
Caspita! Essere acquistati da una multinazionale, dopo anni di precarietà perché si lavorava a singhiozzo, e così via dicendo, ho detto: “Siamo a posto!”

SIGFRIDO RANUCCI
E invece?

OPERAIO 1
Posso anche dirle che il 70% dei dipendenti si sono anche lanciati a fare dei mutui, comprare la macchina, case, chi si è sposato addirittura.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Ma ben presto scoprono quanto è amaro quel calice.

OPERAIO 2
Una volta mancavano i tappi, una volta mancavano le etichette, una volta mancavano le preforme per soffiare, una volta si rompeva la macchina per una fascia elastica e ci si metteva 3,4 giorni perché loro dicono che non avevano i soldi per comprarla, cioè una cosa che costava allora 5, 6 euro non si poteva comprare.

OPERAIO 3
Ci hanno staccato la luce per un paio di mesi, per attivarla ho dovuto mandare i soldi perché non si lavorava... giusto non avevano bisogno neanche della luce.

OPERAIO 2
L’acqua ce l’avevamo, si perdeva a mare, non so quanta se ne perdeva: 14, 15, 16 mila litri al minuto.

SIGFRIDO RANUCCI
E ancora oggi perde?

OPERAIO 2
E ancora oggi perde che va tutta al mare quest’acqua, tutta!

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
40 operai che sono ancora per strada, 16 mila litri al minuto sprecati che da 5 anni vanno a finire in mare in una terra assetata di acqua e di lavoro come la Sicilia. Sapete perché? La Ciappazzi non aveva la concessione per imbottigliare!

SIGFRIDO RANUCCI
Voi sapevate che non c’era la licenza per estrarre?

EX MANAGER PARMALAT
Si, si, si sapeva tutto. Sono quelle cose che si fanno sapendo di fare una cazzata storica, dal punto di vista industriale, però la fai perchè la banca ti tiene il coltello puntato e la devi fare. Non puoi dire di no a Geronzi, come fa Tanzi a dire di no a Geronzi?

SIGFRIDO RANUCCI
Dopo che voi avete detto si alla Ciappazzi è arrivato il prestito che avevate chiesto, giusto?

EX MANAGER PARMALAT
Si, si fece in modo che la Banca di Roma desse dei soldi al Turismo passando da Parmalat. Questa fu un’operazione molto scorretta perché la Banca di Roma sa perfettamente che i soldi andranno al turismo.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
E dopo il danno la beffa per gli operai, perché la società che li aveva acquistati era esterna alla Parmalat era la Cosal una delle centinaia di scatole cinesi di Tanzi. E quindi non hanno potuto godere dei privilegi dell’amministrazione straordinaria.

OPERAIO 2
La cosa noi l’abbiamo saputa dopo che siamo stati licenziati che era una ditta fantasma a Reggio Calabria.

SIGFRIDO RANUCCI
Voi non siete riusciti neanche a rientrare nella Legge Marzano?

OPERAIO 2
No.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Senza scomodare Banca d’Italia, Consob, società di revisioni e banche varie, sarebbe stato sufficiente che qualcuno parlasse con questi operai già nel 2002 per capire quale fosse il reale stato delle casse di Tanzi un anno prima del crac.

MILENA GABANELLI IN STUDIO
Uno si domanda ma perché se a chiedere soldi è Parmatour, vengono dati a Parmalat. Perché Parmatour è una società disastrata: come si fa a dare 50 milioni di euro a qualcuno quando sai già che non te li potrà restituire? E così formalmente vengono dati alla Parmalat che invece ha una società quotata e quindi dà maggiori garanzie. Solo che Parmalat era già messa male e in mezzo ci sarebbe il favore delle acque minerali. La Procura di Parma sulla vicenda ha rinviato a giudizio Cesare Geronzi, per usura. Geronzi attraverso il suo legale dichiara:
1) di ignorare che la Banca fosse a conoscenza del cattivo stato di salute di Parmalat.
2) che Tanzi non è stato costretto ad acquistare la Ciappazzi, ma già da tempo pensava di entrare nel mercato delle acque minerali.
Adesso andiamo in pubblicità e poi vedremo come una società che aveva i conti in rosso già dagli anni 80 è riuscita poi a quotarsi in borsa.

Bene, quando Parmalat crolla tutti si meravigliano, molti fanno finta perché in realtà già dalla fine degli anni 80 i debiti con le banche ammontano a centinaia di miliardi di lire e c’è Odeon Tv che succhia un sacco di soldi quindi il rischio di andare a gambe all’aria è alle porte. Per evitare il fallimento bisognerebbe andare in borsa. Prima però ci sono i conti da sistemare. Come hanno fatto?

ANALISTA FINANZIARIO
L’unica alternativa che vi era in quel momento era potere quotarsi.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Per quotarsi in borsa occorrevano soldi e anche tanti per poter aggiustare i conti: almeno 120 miliardi di lire.

SIGFRIDO RANUCCI
Questo prestito da chi viene erogato?

ANALISTA FINANZIARIO
Viene erogato da una serie di istituti e il capofila di questi istituti era fondamentalmente il Monte Paschi di Siena.

SIGFRIDO RANUCCI
Perché il Monte Paschi di Siena?

ANALISTA FINANZIARIO
Beh, in quel momento era la banca che era più vicina a Tanzi, probabilmente anche per motivi politici.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Una parte di quel prestito arriva dall’Icle, un’ istituto di credito, che per statuto non avrebbe potuto prestare i soldi alla Parmalat visto che erano destinati ai lavoratori residenti all’estero e in modeste entità. Nel verbale del consiglio di amministrazione si legge che il presidente e alcuni dei sindaci revisori erano assolutamente contrari al finanziamento perché c’erano dei punti oscuri all’interno dei bilanci e perché secondo loro la Parmalat non sarebbe mai stata in grado di restituire i soldi prestati. Alla fine però il prestito viene concesso ugualmente.

ANALISTA FINANZIARIO
Parmalat senza quel finanziamento non poteva continuare, ergo se non fosse stato concesso, per Parmalat sarebbe stata probabilmente la fine.

SIGFRIDO RANUCCI
Quindi si può dire che tecnicamente Parmalat era già fallita nel 1989?

ANALISTA FINANZIARIO
Si.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Ma per compiere l’ultimo passo prima della quotazione in borsa Tanzi avrebbe dovuto liberarsi di Odeon Tv, che aveva debiti per 160 miliardi di lire. Una macchia nera nei bilanci della Parmalat, e per lavarla ci voleva una società estera, la Sasea, e un lavandaio della finanza, così è stato definito Florio Fiorini.

FLORIO FIORINI – EX DIRIGENTE ENI
Prendevamo le aziende decotte e tentavamo di rimetterle a posto. Lei pensi che oggi Tamoil, se non c’eravamo noi, era fallita.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Con il socio Parretti avevano tentato senza successo anche con la Metro-Goldwyn-Mayer. Ma Fiorini è stato soprattutto l’ex direttore finanziario dell’Eni. Negli anni ottanta era lui che finanziava di nascosto i partiti. I cassieri chiamavano e lui versava nei conti protetti all’estero come quello di Larini per conto di Craxi. Stavolta però a chiamarlo è Bronzetti, il direttore dei Fidi del Monte dei Paschi di Siena.

FLORIO FIORINI – EX DIRIGENTE ENI
Parlando con Bronzetti diceva: “Eh, ma voi avete comprato la MGM perché non parlate di questa tv, avreste grandi appoggi da De Mita e così via...

SIGFRIDO RANUCCI
Lei poi ce li ha avuti questi appoggi da De Mita?

FLORIO FIORINI – EX DIRIGENTE ENI
Nessuno, con De Mita non ci abbiamo mai parlato. L’unico praticamente contatto politico che avemmo insieme a Tanzi è che prima di firmare, siccome il presidente della Sipra era un uomo nominato da Andreotti, volle che Tanzi ed io andassimo da Andreotti a dire: “Presidente, noi pigliamo sta baracca di Tanzi e quello che davate a Tanzi lo date anche a noi”.

SIGFRIDO RANUCCI
Quanto aveva in dote, come contratto Sipra di pubblicità Odeon Tv all’epoca?

FLORIO FIORINI – EX DIRIGENTE ENI
80 miliardi all’anno.

SIGFRIDO RANUCCI
Che voi non riuscite mai a prendere?

FLORIO FIORINI – EX DIRIGENTE ENI
No.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Fiorini compra Odeon tv pagandola una lira piu’ i debiti e fallisce poco dopo. Ma fece un gran favore a Tanzi che apparentemente risanato si quota e rastrella soldi dal mercato e chi avrebbe dovuto controllarne i bilanci a quel punto era la Consob. Perché non l’ha fatto? La risposta di un ex dirigente dell’ufficio insaider della Consob è semplice.

FABRIZIO TEDESCHI – EX DIRIGENTE CONSOB
Direi che sono quasi sicuro che non è mai stato guardato perché è una società grossa e quindi controllare i bilanci di una società grossa richiede moltissimo dispendio di energie. Bisogna anche guardare dei bilanci esteri con normative diverse

SIGFRIDO RANUCCI
Cioè Lei mi sta dicendo che i bilanci delle grandi società la Consob non li guarda con attenzione?

FABRIZIO TEDESCHI – EX DIRIGENTE CONSOB
Non li guarda con la dovuta attenzione, penso.

SIGFRIDO RANUCCI
Cioè quindi i bilanci di Eni, i bilanci di Fiat, i bilanci delle grandi società italiane non vengono controllate, che sono quotate in borsa?

FABRIZIO TEDESCHI – EX DIRIGENTE CONSOB
Vengono controllati, secondo me, solo in caso di necessità, in caso di eventi traumatici.

SIGFRIDO RANUCCI
Saranno contenti gli azionisti a sapere questa notizia!

FABRIZIO TEDESCHI – EX DIRIGENTE CONSOB
Mah, io la do un pò per scontata.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Noi invece non lo diamo per scontato anche perché quando nel 2003 la Consob chiede spiegazioni a Tanzi sui bilanci, la barca comincia a fare acqua da tutte le parti. L’ultima spiaggia a quel punto è l’uomo piu’ potente del momento.

EX MANAGER PARMALAT
Tanzi non voleva andare da Berlusconi a chiedergli aiuto, mentre io e Stefano abbiamo spinto tantissimo affinché lui andasse e andò anche Stefano fra l’altro.

DAGLI INTERROGATORI – CALISTO TANZI
“Verso la fine di novembre 2003, ho detto a Berlusconi che stavamo attraversando un momento molto brutto, che stavamo in piena bufera e che avevamo bisogno del suo intervento presso le banche e presso la Consob”.

EX MANAGER PARMALAT
Berlusconi dice:“ Per la Consob provo a vedere se possiamo fare qualcosa, per le banche non posso fare niente perché e’ tutto in mano alla sinistra!”

DAGLI INTERROGATORI – CALISTO TANZI
“Devo aggiungere che in occasione di un incontro che ho avuto in Consob, ho potuto constatare che la Consob mi ha trattato con gentilezza e mi ha dato tempo per chiarire gli aspetti della vicenda Parmalat”.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Le banche invece fanno pressione per rientrare dei soldi, e impongono la nomina di Bondi alla guida del gruppo di Collecchio. Le giornate che precedono e seguono il crac della Parmalat, sono scandite da alcuni episodi misteriosi. Per esempio non si è mai saputo perché a Collecchio, come si legge in un’informativa della Digos, in un bar vicino alla sede della Parmalat finanziaria si presentano due libanesi, sospettati di riciclaggio e legati ad ambienti terroristici. Incontrano un personaggio che viaggia su un auto intestata alla Parmalat. Un personaggio che ancora oggi non è stato possibile identificare. Come è un mistero l’apparizione di Antonio Manieri un finanziere pugliese, che si presenta pochi giorni prima del crac per salvare la Parmalat e mette sul piatto miliardi di euro che conserva all’estero.

EX MANAGER PARMALAT
Manieri mise sul tavolo una cifra di 3 miliardi e 800 milioni di euro.

SIGFRIDO RANUCCI
Enorme!

EX MANAGER PARMALAT
Una cifra impressionante!

SIGFRIDO RANUCCI
E da dove venivano questi soldi, l’avete mai saputo voi?

EX MANAGER PARMALAT
No, mai, è lì il problema. Quando poi Manieri si decise a far passare i soldi e farli depositare presso il San Paolo Imi a Torino, ci fu un episodio particolare perché io dubitavo che il Manieri avesse tanti soldi, Tanzi mi diceva: “No, i soldi li ha, perché anche Geronzi mi ha detto che ce li ha. Poi ad un certo punto il Manieri doveva fare dei versamenti e l’avvocato di Manieri, un certo Torrente, riceve una telefonata, mette in viva voce il telefono e questo qui del San Paolo Imi dice: “Stanno arrivando dei bonifici da tante sedi differenti internazionali, La pregherei di stoppare l’invio dei bonifici, perché sono cifre troppo alte, abbiamo bisogno di piu’ tempo perché non riusciamo a gestirle”. Fatto sta che poi non venne dato il nulla osta al trasferimento da parte della Banca d’Italia. Evidentemente questi soldi non erano puliti.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Geronzi ci fa sapere che Manieri non sa chi sia. Sta di fatto che dopo lo stop di Banca Italia, il finanziere sparisce. E ancora oggi non è chiaro chi è Manieri e a che gioco giocassero i protagonisti di quella vicenda. Ma il mistero piu’ grande rimane il viaggio di Natale di Calisto Tanzi che pochi giorni prima di essere arrestato vola con la moglie a Madrid poi a Lisbona per pregare la madonna di Fatima e poi in Ecuador a Quito. E’ stato solo un viaggio di vacanza ha sempre detto il cavaliere. Ma a Quito viene raggiunto dal Commercialista Corno, il cui nome nei primi interrogatori è stato tenuto nascosto e dal suo uomo di fiducia: un ex nazionale di rugby e manager della Bonatti: Ettore Giugovaz.

EX MANAGER PARMALAT
So che Giugovaz in Ecuador era un personaggio sicuramente conosciuto, stimato e quotato. Si trovano e cosa facciano non lo so... sicuramente non si fanno gli auguri di Natale a Quito. So che in questo viaggio va anche Corno, che e’ un commercialista brianzolo, abbiano favorito un occultamento del denaro.

SIGFRIDO RANUCCI
Ma dove secondo te?

EX MANAGER PARMALAT
In Ecuador... con la complicità di chi non lo so perché c’è un locale ecuadoregno che ci manca eh! Ci vuole l’ecuadoregno potente che chiude il cerchio.

SIGFRIDO RANUCCI
E che cosa ha nascosto, un tesoro?

EX MANAGER PARMALAT
Dei soldi, dei soldi! Ma non miliardi di euro, massimo dai 10 ai 15 milioni... non di più.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Ma chi è Ettore Giugovaz? L’ ex giocatore di rugby è uno dei personaggi piu’ misteriosi di tutta la vicenda Parmalat. Tanzi ne aveva fatto una specie di ambasciatore presso istituzioni e lobby internazionali. Serve aprire le porte del mercato americano alla Parmalat? Ci pensa Giugovaz, che contatta Robert Gray, uomo legato ai fratelli Bush. La Parmalat viene accusata in Ecuador di diluire il latte con l’acqua? Ci pensa Giugovaz che interviene presso i deputati locali. E in Ecuador l’ex campione di rugby è una vera potenza. Ha contatti con il Ministero delle Finanze, e addirittura con il presidente della Repubblica Gutierrez.
In uno studio professionale di Milano, dall’etichetta anonima, si trova una persona che è ancora in strettissimo contatto con Ettore Giugovaz, una persona che è stata testimone della preparazione del viaggio in Ecuador la notte di Natale.

SIGFRIDO RANUCCI
Mi può dire che esattamente che cosa gli ha chiesto Tanzi in Ecuador?

ANONIMO
io credo che non gli abbia chiesto proprio niente, cioè gli hanno detto cosa faccio adesso.

SIGFRIDO RANUCCI
Cioè, lo fa venire da...

ANONIMO
Ma non è che l’ha fatto venire, Tanzi era lì e diceva: “Cosa faccio?” e poi mi ha detto: “Torna indietro, cosa fai lì? Non so cosa fai lì, sei tu che mi hai detto: “Vado in Ecuador, dove vado?” E io gli ho detto: “Vai a Quito, vai a vederti i vulcani”, pensava che fosse in vacanza veramente! Poi si è infilato il Corno, il commercialista che voleva fare il colpo della vita a 75 anni e prendersi l’incarico del risanamento della Parmalat. Dice: “Senti un po’, non sarebbe il caso di andare da Tanzi a spiegare la legge Bondi, a spiegare e a convincerlo a tornare indietro”. Perché lui già si vedeva come lo studio che prendeva in mano la Parmalat e la rimetteva in ordine.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Secondo questa testimonianza la storia di Tanzi della “vacanza improvvisata” non starebbe più in piedi. A smentirla oltre questa testimonianza c’ è l’agendina di Giugovaz, pubblicata in un libro uscito in questi giorni, che collega Giugovaz, Corno, Tanzi e la Parmalat già otto giorni prima del crac e della trasferta in Sudamerica. Giugovaz sembra seguire la crisi della Parmalat (indicata con la sigla PLT) già dall’ 8 dicembre. Da allora ha frequenti contatti con Tanzi, indicato con la sigla CT, e i suoi familiari, e soprattutto con il commercialista Giacomo Corno. Spostamenti frenetici tra Parma, Milano, Bergamo, Madrid e Lugano che è l’ultimo viaggio prima di partire il 24 dicembre con Giacomo Corno per l’Equador e raggiungere Tanzi. I due lo incontrano la mattina del 25 e ancora a pranzo, con la moglie. Per poi rientrare in Italia.
Ma i contatti tra Giugovaz e Tanzi continuano, anche il 27 a pranzo, e programmano un incontro per il 28 con la moglie e la figlia Francesca. Per poi andare a Lissone dal commercialista Corno. Ma a quell’incontro Tanzi non c’è: è stato arrestato la sera prima dalla Guardia di Finanza. Per capire cosa c’è dietro quella serie di contatti che continuano anche dopo l’arresto di Tanzi. Bisogna fare un passo indietro, all’11 dicembre quando a Parma, si incontrano Giugovaz Tanzi e Corno. Una freccia collega il nome del commercialista a una sigla NEW PLT, che starebbe per Nuova Parmalat. Corno, sentito da noi al telefono, ha detto di non voler rilasciare interviste e di non ricordare il perché del viaggio in Sud America ed il motivo di tutti quegli incontri. Ma dalla ricostruzione che abbiamo appena fatto, quello in Ecuador, non sembra essere stato un viaggio di vacanza tra amici, come ha sempre detto Tanzi. Con l’azienda agonizzante e migliaia di risparmiatori disperati, con l’ azienda agonizzante e migliaia di risparmiatori disperati, stava pianificando come rimettere le mani sulla nuova Parmalat. Come dire: errare è umano...

MILENA GABANELLI IN STUDIO
E’ ovviamente un’ipotesi, forse neanche tanto peregrina, ma un’ipotesi. E siamo arrivati alla fine della storia. Come abbiamo detto la Parmalat non è mai fallita perché è entrata nel decreto salva imprese quindi si sono salvati tanti posti di lavoro, Bondi l’ha risanata e oggi va bene. Agli obbligazionisti truffati, a parziale risarcimento del danno sono state date le azioni della nuova Parmalat, poca roba, ma nel frattempo però il valore è più che raddoppiato. A Milano il processo per aggiotaggio è in corso, a Parma partirà a marzo. Bondi chiede alle banche che restituiscano alla Parmalat il dovuto. Invece i risparmiatori vogliono indietro il mal tolto. Ora siccome si tratta di una multinazionale i risparmiatori stanno un po’ dappertutto, e da altre parti si organizzano in altro modo. Negli Stati Uniti si chiama class action. Se questa class action venisse autorizzata secondo voi chi dovrà pagare il conto?

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Quest’uomo è il giudice distrettuale di New York, Lewis Kaplan. Ha autorizzato una Class Action, cioè un’azione legale collettiva, contro la nuova Parmalat. A chiederla sono stati gli investitori stranieri tagliati fuori dai risarcimenti come il fondo Hermes che aveva 50 milioni di dollari in azioni Parmalat. Al quale si sono poi aggiunti altri investitori in tutto il mondo. In Nord America sono stati bidonati anche i poveri minatori dell’Alaska che avevano investito le loro pensioni nei bond Parmalat. E l 'avvocato che è riuscito a convincere il giudice Kaplan a mettere la nuova Parmalat sul banco degli accusati nella class action è Stuart Grant.

SIGFRIDO RANUCCI
Signor Grant, l’amministratore della Parmalat Bondi ha detto che non teme la class action, non ha valore in Italia e quindi è tranquillo.

STUART GRANT - AVVOCATO
Bondi dice tante cose, ha la sua strategia. Ha presentato una tesi difensiva che la corte americana ha respinto. Se Bondi ritiene che la class action non sarà riconosciuta in Italia, lo vedremo quando gli investitori presenteranno le loro richieste di risarcimento. E’ inutile che cerchi di convincermi su cosa farà o non farà il tribunale italiano. Vedremo!

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Kaplan è stato inflessibile. Grazie alla legge Marzano la Parmalat non è fallita: ha concordato. E allora da una parte c’è la vecchia Parmalat Finanziaria che è in amministrazione straordinaria, che ha Bondi come commissario di governo. Dall’altra quella nuova: la Parmalat SpA. Una public company che ha sempre Bondi come manager, per gli americani un mostro giuridico a due teste difficile da comprendere.

STUART GRANT - AVVOCATO
Credo che il giudice Kaplan sia stato semplicemente fedele al concordato, è tutto molto chiaro. Si dice che la nuova Parmalat sarà il successore e si farà carico sia degli asset, sia delle responsabilità della vecchia Parmalat. Il giudice quindi è stato fedele a quanto stabilito dalla legge italiana e ha detto: “Volete gli asset? Bene! Anche le responsabilità fanno parte del pacchetto”.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Ma se la class action verrà certificata tra pochi mesi cosa potrebbe accadere?

STUART GRANT - AVVOCATO
Poniamo il caso che la class action abbia successo e che quindi la sentenza venga portata in Italia e che il tribunale di Parma a sua volta la approvi. La nuova Parmalat allora sarebbe costretta a emettere un gran numero di nuove azioni, senza poter fare un aumento di capitale, che verrebbero date ai membri della class action. In tal modo gli attuali azionisti sarebbero significativamente colpiti. Le loro azioni varrebbero molto meno.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Impossibile quantificare a oggi a quanto ammonterebbe il risarcimento, perché alla class action potranno aderire tutti coloro che dimostreranno di essere stati danneggiati. E siccome la Nuova Parmalat è per l’87% in mano ai piccoli azionisti, potrebbe verificarsi l’incredibile paradosso che a pagare ancora una volta siano sempre loro... i vecchi obbligazionisti ai quali sono state date come parziale risarcimento, le azioni della Nuova Parmalat.

STUART GRANT - AVVOCATO
Gli obbligazionisti, i vecchi investitori che erano creditori attraverso lo strumento dei Bond e che hanno ottenuto azioni attraverso il concordato... beh, si, ora rischiano di dover pagare una seconda volta.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Anche perché alcune delle banche che fino a pochi mesi erano azioniste della nuova Parmalat si sono liberate delle loro azioni, proprio nei giorni in cui negli Stati Uniti veniva autorizzata la class action, ma forse è solo una coincidenza.

STUART GRANT - AVVOCATO
Le banche sono furbe, molto furbe!

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Anche gli avvocati! E visto che i risparmiatori non possono aspettarsi buone nuove dalla giustizia americana cosa devono aspettarsi da quella italiana? L’avvocato Federico Grosso è il legale del Comitato istituito dal San Paolo che tutela come parte civile 32 mila truffati, gli stessi a cui la banca aveva venduto i bond Parmalat. E così ha pensato bene di inserire nello statuto una clausola ben precisa.

FEDERICO GROSSO - AVVOCATO
Il San Paolo ha detto: “Io vi metto a disposizioni gli strumenti materiali, cioè i quattrini per fare le cause, l’unica cosa che io non pago delle cause contro di noi, quindi il comitato ha soltanto un limite: non fare causa al San Paolo!

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Il San Paolo che ha collocato il maggior numero di bond sul mercato dice: “Vi pago l’avvocato ma vi impegnate a non farmi causa”. Qualcuno può pensare che sia stata un’abile mossa per evitare una pioggia di richieste di risarcimento da parte dei suoi clienti. Ma a fino a oggi quanto hanno messo in tasca i risparmiatori truffati?

FEDERICO GROSSO - AVVOCATO
Il punto dei risarcimenti è indubbiamente la questione dolente.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
E’ dolente si! Perché i danni patrimoniali verranno liquidati solo a sentenza definitiva, ch’ è’ al di là da venire. Una buona notizia era arrivata dalla sentenza di questa estate a Parma dove 3 manager colpevoli di bancarotta hanno chiesto il giudizio abbreviato e il giudice ha deciso di riconoscere ai risparmiatori un anticipo per i soli danni morali del 10% del valore nominale delle obbligazioni.

SIGFRIDO RANUCCI
Che sarebbe?

FEDERICO GROSSO - AVVOCATO
Che sarebbe in totale, per quanto riguarda i 32 mila rappresentati da me, circa 40 milioni di euro.

SIGFRIDO RANUCCI
Cioè c’è un problema?

FEDERICO GROSSO - AVVOCATO
Certo che c’è un problema.

SIGFRIDO RANUCCI
Questi non ce l’hanno i soldi per pagare.

FEDERICO GROSSO - AVVOCATO
In realtà anche perché purtroppo in questo primo processo, la banca alle spalle, l’impresa alle spalle... non c’è!

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Già, si spera di recuperare i soldi quando verranno condannate le banche che per ora sono a processo a Milano con i manager della Parmalat accusate di aver dato false informazioni al mercato finanziario. Ma grazie alla Cirielli già sono prescritti i reati commessi nel 1999 e 2000.
La procura aveva pragmaticamente avviato i patteggiamenti, ma le parti civili si sono opposte. Fra 3 anni i tempi saranno scaduti per tutti.

FEDERICO GROSSO - AVVOCATO
C’è il rischio della Cirielli a Milano, non c’è il rischio della Cirielli a Parma e per fortuna nei confronti della bancarotta non sono state diminuite le pene perché Berlusconi non... ..non ce l’ha fatta, l’ha diminuite per i falsi in bilanci in maniera clamorosa. Per la bancarotta non ce l’ha fatta, non è arrivato in tempo.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
A Parma Banche e Manager di Collecchio devono difendersi dall’accusa di bancarotta fraudolenta che si prescrive in 12 anni. Ma il processo comincerà solo il prossimo 14 marzo data in cui, strana coincidenza, comincerà anche quello della Cirio. E a gestire il processo del crac piu’ grande d’Europa è un tribunale troppo piccolo e quei pochi magistrati, soli in una procura di provincia che deve anche dividersi tra ordinaria amministrazione e rapimenti di bambini. Soli, contro uno stuolo di avvocati agguerriti di 56 imputati eccellenti.
E nel frattempo... Tanzi continua a vivere nella sua lussuosa villa, che non è stata sequestrata perché è intestata alla moglie Anita... .Arriviamo proprio quando sta per uscire con la sua auto rossa. Cerchiamo di fermarlo ma con uno scatto felino ci evita. Dove andrà il cavaliere così di corsa?

SIGFRIDO RANUCCI
Cercavo il signor Tanzi... sa quando torna signora?

AL CITOFONO ANITA TANZI
Non lo so proprio.

SIGFRIDO RANUCCI
E’ vero che lui sta adesso investendo sui succhi di frutta?

AL CITOFONO ANITA TANZI
Guardi, non so proprio nulla, buongiorno!

EX MANAGER PARMALAT
Secondo me, Calisto Tanzi sta lavorando alla Jaffa, indirettamente ovviamente.

SIGFRIDO RANUCCI
Attraverso chi, lo sai?

EX MANAGER PARMALAT
Eh, con i soldi, non so, della moglie, con i soldi suoi però sta secondo me facendo un qualcosa per il figlio. Io son convinto che se la Jaffa andrà in porto, Stefano andrà a lavorare alla Jaffa.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
E quindi il futuro di Stefano dovrebbe essere assicurato... e intanto lavora come consulente alla Bioslim di Mantova.

AL TELEFONO DONNA
Pronto?

LUCA CHIANCA
Buongiorno, potrei parlare con il dottor Stefano Tanzi?

AL TELEFONO DONNA
Eh... , non è in azienda...

LUCA CHIANCA
Quando lo trovo in azienda?

AL TELEFONO DONNA
E... non so dirle perché è sempre fuori per lavoro, quindi e... Lei è un cliente?

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Francesca Tanzi invece, nonostante la catastrofe di Parmatour, coltiva ancora la sua passione per il turismo e lavora in questa agenzia del marito alla periferia di Padova.

LUCA CHIANCA
Buongiorno!

DONNA AGENZIA VIAGGI
Buongiorno!

LUCA CHIANCA
Cercavo la dottoressa Francesca Tanzi.

DONNA AGENZIA VIAGGI
Aspetti che vedo perché so che era impegnata per altre cose. Non è manco attivo il computer.

LUCA CHIANCA
Lei lavora qui comunque, no?

DONNA AGENZIA VIAGGI
Non sarebbe il suo posto di lavoro questo. Di norma è... esterna.

LUCA CHIANCA
Quindi al momento è fuori per lavoro o per l’agenzia.

DONNA AGENZIA VIAGGI
Si, si.

SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Tonna, il duro manager della Parmalat, lavora vicino Collecchio presso la Prisma, una società che produce porte per ascensori...

EX MANAGER PARMALAT
Alla fine di sto crac, secondo me, resterà una bolla... una bolla di sapone, pufff! Non ci resterà niente! In Italia non c’è la certezza della pena. E’ una cosa vergognosa in un paese civile e lo dico contro il mio interesse... se tu pensi che io se verrò condannato a 10 anni, che è una cosa che fa paura no, dico: “Beh, adesso che cosa faccio? Niente!” non mi succede niente. 1/3 mi viene condonato per rito abbreviato, 3 anni mi vengono abbonati con l’indulto, un po’ di carcere l’ho già fatto, farò un po’ di servizi sociali che consisteranno nel lavorare quello che faccio adesso, cioè praticamente prendo 10 anni e non faccio niente.

MILENA GABANELLI IN STUDIO
Tocca sempre andare a rivangare il caso Enron, un crac molto simile a quello della Parmalat. In quel caso la legislazione americana, per tutelare i risparmiatori, ha risposto subito con una riforma che obbliga le banche e gli investitori professionali a correre i rischi maggiori quando il titolo è rischioso. Così ci penseranno due volte prima di sottoscrivere le emissioni. Un provvedimento banale, ma molto efficace che noi preferiamo non adottare, noi però facciamo delle altre cose.
A proposito di sconti... Ad aprile scorso dalla presidenza del consiglio è uscito un disegno di legge delega che prevede la riduzione delle pene per i reati di bancarotta. Cosa vuol dire? Che in un caso come quello Parmalat dove oggi le pene previste arrivano ad un massimo di 10 anni, si dimezzano. Questo significa che automaticamente i tempi di prescrizione passano dai 19 di oggi ai 7 e mezzo. Fortunatamente quella proposta è stata stoppata, ma qualcuno l’ha pensata e scritta. E se quel qualcuno dovesse ritirala fuori ed avere miglior destino, in un colpo solo si cancellano i processi Parmalat e Cirio. Tutti salvi da Tanzi a Cragnotti a Geronzi. Come dire... Tanto lavoro per nulla.

Rai.it

Siti Rai online: 847