Rai 3
Televideo

Puntata del 13/05/2007

LA PALLA MAGICA

In onda domenica 13 maggio 2007

di - Società

Inchiesta: Goodnews
Argomenti: Società
Stagioni: 2007
Autori: Giuliano Marrucci

MILENA GABANELLI IN STUDIO
La buona notizia di oggi è sportiva. Lo sport è vita e quella dei disabili scorre spesso passando da una terapia all'altra, ogni tipo di problema va curato a modo suo. Quello di cui certamente ogni disabile ha bisogno e quasi mai gli viene dato è la possibilità di divertirsi come qualunque altro cristiano. Giuliano Marrucci.

GIULIANO MARRUCCI
Guarda un po' chi si rivede. Marco Calamai. Gli appassionati di basket se lo ricorderanno bene quando nel '94 allenava la Baker Livorno, e in una botta sola vide la sua squadra prima retrocedere e poi addirittura fallire.
E' da allora che del suo nome, nel basket che conta, non c'è più traccia.

MARCO CALAMAI - allenatore Fortitudo S.G. Overlimits
Dopo l'esperienza di Livorno ho preso un altro percorso, mi cominciava a stare un po' stretta la pallacanestro.

GIULIANO MARRUCCI
Cos'è che non trovavi più nel basket professionistico?

MARCO CALAMAI - allenatore Fortitudo S.G. Overlimits
Il valore, il valore del gioco. Un gioco bellissimo il basket, l'unico gioco che punta al canestro, quindi punta all'alto, un gioco che si gioca con grande forza ma si conclude con la carezza del tiro.

GIULIANO MARRUCCI
E per ritrovare tutta la poesia di questo gioco Marco dal professionismo decide di tornare giù, oltre la B, oltre i dilettanti, alla ricerca di chi del gioco ha bisogno come del pane.

MARCO CALAMAI - allenatore Fortitudo Overlimits
E ho visto per caso un gruppo di ragazzi della Lucciola, dell'associazione della dottoressa Emma La Macchia, ragazzi disabili che mi hanno colpito per l'autonomia e la serenità pur nella gravità della situazione, e ho proposto di giocare a pallacanestro a questi ragazzi.

STEFANO - giocatore Fortitudo S.G. Overlimits
Eh, gioco da guardia dai&..quello li è il playmaker&.

MICHELE MALASOMA
Ma, gli dai le botte anche agli avversari?

STEFANO - giocatore Fortitudo S.G. Overlimits
No, se&.lui non vuole poi eh&.se m'arrabbio&&

MICHELE MALASOMA
Fammi vedere questo canestro&&mamma mia&..

GIULIANO MARRUCCI
Ma te sei sempre d'accordo con le scelte del mister?

STEFANO - giocatore Fortitudo S.G. Overlimits
No, mai&..

GIULIANO MARRUCCI
Te in che ruolo giochi?

MATTEO - giocatore Fortitudo S.G. Overlimits
In difesa, però meno&..

MARIA ANTONIA BONDI - mamma di Matteo
Lui era privo di amici, privo di uscite, di cose extra che non fossero nell'ambito familiare&

MATTEO - giocatore Fortitudo S.G. Overlimits
All'inizio avevo un po' paura, soprattutto nei contrasti, perché nei contrasti rischi di farti male anche

MARIA ANTONIA BONDI - mamma di Matteo
Ha fatto anche delle cose che non avrei mai pensato proprio a livello di movimento e inserimento nel gruppo.

MARCO CALAMAI - allenatore Fortitudo S.G. Overlimits
Solita staffetta a dieci, pronti, via. Ma lo vede Matteo come va diritto. Ora s'è emozionato.

MATTEO - giocatore Fortitudo S.G. Overlimits
Adesso mi devono calmare perché sennò io meno.

GIULIANO MARRUCCI
Qual è tuo figlio?

ENZA D'AMICO - mamma di Junior
Mio figlio, junior, quello con la maglia rossa.

SIMONETTA MAVILIO - educatrice
Quando ho conosciuto junior, parlava poco, aveva proprio una postura molto chiusa, era molto ricurvo su se stesso.

ENZA D'AMICO - mamma di Junior
Ti dico, lui non aveva ancora iniziato a giocare a basket, perché era un po' timido, l'ambiente nuovo, sai&.al che Marco ha iniziato a urlare "dai, sbrigati, corri&" &io son rimasta, dico "ascolta, ma io prendo mio figlio e me lo porto a casa".
Poi invece ho visto che mio figlio s'è sbloccato, ha iniziato a giocare tranquillo&poi parlo con lui e dico "junior, ma come urla", lui mi fa "mamma, ma tu non capisci, è per far rispettare le regole".

SIMONETTA MAVILIO - educatrice
Adesso diceva sua mamma forse siamo arrivati all'eccesso opposto. Non solo parla, ha proprio voglia di parlare.

NADIA MINELLI - genitore
Gli sprona a insistere, a migliorare&perché loro tendenzialmente tendono a non fare niente anche per non far figuracce, oppure perché si sentono dire "poverini, poverini&"

GIULIANO MARRUCCI
E dal non fare niente, grazie al metodo Calamai, questi ragazzi l'anno scorso hanno addirittura partecipato a un campionato vero e proprio.

SIMONETTA MAVILIO - educatrice
E' un torneo, il torneo delle parrocchie,

MARCO CALAMAI - allenatore Fortitudo S.G. Overlimits
Un campionato di normodotati con una formula tutta mia 3 normodotati e due disabili contro 5 normodotati.

GIULIANO MARRUCCI
E il bello è che vincono anche&&..

MARCO CALAMAI - allenatore Fortitudo S.G. Overlimits
11 partite vinte su 14, secondi assoluti a Bologna; questo c'ha permesso di fare le finali italiane, quindi secondi anche in Italia.

GIULIANO MARRUCCI
E senza lasciare fuori nessuno.

MARCO CALAMAI - allenatore Fortitudo S.G. Overlimits
Ognuno di questi ragazzi ha molte più qualità di quelle che gli vengono attribuite.

SIMONETTA MAVILIO - educatrice
Io ho giocato a basket tantissimi anni e devo dirti che per quello che è la mia esperienza succedeva molto di più nella mia squadra che noi ci arrabbiavamo con chi era lento, con chi faceva un errore, piuttosto che qui.

MARCO CALAMAI - allenatore Fortitudo S.G. Overlimits
Non puoi trattare un autistico come un down, un down come un psicotico, ma nel lavoro di gruppo si integrano e si completano molto bene.

SIMONETTA MAVILIO - educatrice
Sono accomunati comunque da una grande sofferenza che credo li faccia davvero sentire vicini.

MILENA GABANELLI IN STUDIO
La palla è veramente una gran terapia e oggi oltre a Bologna giocano col metodo Calamai anche a Rimini, a cattolica, a Pavia, a Milano e a Roma. Le squadre coinvolgono 200 disabili.

Rai.it

Siti Rai online: 847