Rai 3
Televideo

News 7-07

A lezione di coraggio: Sigfrido Ranucci e il giornalismo d’inchiesta

24/07/2017

Stagioni: 2017

COMUNICATO STAMPA

A lezione di coraggio: Sigfrido Ranucci e il giornalismo d’inchiesta.
Venerdì 21 luglio si è tenuto l'ultimo evento dell'Elba Book Festival. Il più partecipato, il più atteso. Ed è letteralmente un fiume in piena il racconto di Sigfrido Ranucci. Dialoga a ruota libera, sul filo dei ricordi e dell’esperienza personale col collega e amico Luciano Minerva. Il conduttore di Report a Rio nell’Elba ripercorre le tappe della sua carriera giornalistica, fatta di molte difficoltà, ma soprattutto grandi inchieste. I fatti, i nomi, le storie sono tantissime. Dal rifiuto di entrare nella redazione della testata sportiva della Rai con uno stipendio sicuro, per fare giornalismo d’inchiesta al fianco di un grande direttore come Roberto Morrione ex vicedirettore Tg3 poi Rai News 24 verso la fine anni ‘90, all’inchiesta sull’uranio impoverito in Italia. Dall’inchiesta sulla loggia Pd2 a quella sulle stragi di mafia di Falcone e Borsellino, fino alla trattativa tra stato e mafia al processo dell’Utri. Poi il fosforo bianco a Falluja nel 2004, gli Usa che bombardano l’Iraq usando un’arma non convenzionale, documentazione incredibile.
Dopo Morrione Ranucci lavora con Milena Gabbanelli. Solo con loro, ammette, ha sempre potuto fare il suo lavoro liberamente. Poi ricorda l’inchiesta sulla privatizzazione della Telecom, che passa anche dall’Elba, grazie all’aiuto della collega Michela Gargiulo, presente tra il pubblico. Segue l’inchiesta sulla Parmalat. Ranucci svela a Elba Book Festival, per la prima volta in pubblico, che nel 2009 viene messo sotto vigilanza dinamica per un anno e mezzo, per un’inchiesta sulla fornitura di sabbia da parte di Vincenzo Ercolano alla ditta Pizzarotti.
E la domanda che tutti ci facevamo arriva puntuale. Come si fa a muoversi in un contesto così difficile e pesante, fatto di scandali, misteri. Come si affrontano le querele, chiede Minerva. Ti senti realmente solo, ma quando sai di avere fatto il tuo lavoro devi andare avanti. Ranucci ha 45 querele e richieste di risarcimento danni per 65 milioni di euro. Ma è un giornalista d’inchiesta e fa il suo lavoro. Non tralascia tuttavia di condividere un’osservazione amara; la collocazione di Report il Lunedì il giorno delle grandi fiction :” dispiace avere la concorrenza direttamente in Rai”.

Ufficio Stampa
.................................
Claudia Lanzoni
Matteo Bianchi
www.elbabookfestival.com

Rai.it

Siti Rai online: 847